Giornata mondiale della famiglia. Il Papa ricorda le famiglie nella Messa a Santa Marta

Nella Messa mattutina presso Casa Santa Marta il Papa ricorda l'appuntamento di oggi, la Giornata Internazionale della famiglia

Papa Francesco a Santa Marta
Foto: Vatican Media / ACI group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Oggi, la giornata mondiale della famiglia, preghiamo per le famiglie, perchè cresca nelle famiglie lo Spirito del Signore, lo Spirito di amore, di rispetto, di libertà".

Nella Messa mattutina presso Casa Santa Marta il Papa ricorda l'appuntamento di oggi, la Giornata Internazionale della famiglia che si celebra ogni anno, il 15 maggio. 

Nell'omelia il Pontefice commenta: "Nel Libro degli Atti degli Apostoli, la Chiesa cresceva in pace, lo Spirito del Signore si diffondeva, c'erano anche tempi di persecuzioni...tempi di pace, tempi di persecuzioni e anche tempi di turbamento. Ed è questo l'argomento della prima Lettura di oggi, il tempo di turbamento. Cosa era successo? Questi cristiani avevano creduto in Gesù Cristo e ricevuto il Battesimo, dal paganesimo al cristianesimo senza tappe. Invece questi sostenevano che non si poteva fare questo, se uno era pagano doveva prima farsi ebreo e poi cristiano. E questi cristiani non capivano. Erano turbati e quelli che volevano questo era gente che con argomenti pastorali e morali sostenevano che si doveva fare il passo così. Questo metteva in discussione la gratuità della Resurrezione di Cristo. Erano metodici e rigidi".

"Questa gente che era ideologica, una religione di prescrizioni...così toglievano la libertà dello Spirito - dice il Papa - questa gente non conosceva la gioia del Vangelo, conoscevano solo la strada della rigidità. Questi dottori manipolavano le coscienze. La rigidità non è del Buono Spirito. Questa non è una cosa vecchia. Nella storia si è ripetuto. Anche nei nostri tempi, abbiamo visto alcune organizzazioni apostoliche, tutti rigidi, tutti uguali. E poi abbiamo saputo della corruzione che c'era dentro, anche nei fondatori. Dove c'è rigidità non c'è lo Spirito di Dio. La morte e la Resurrezione di Cristo sono gratuite".

Il Papa conclude la sua omelia: "Dal turbamento alla gioia, lo Spirito della rigidità sempre ti porta al turbamento, lo Spirito della libertà evangelica ti porta alla gioia. Il rapporto con Dio non è fare le cose, non è un rapporto commerciale, è un rapporto gratuito. Chiediamo al Signore che ci aiuti a discernere i frutti della gratuità evangelica".

Ti potrebbe interessare