Green pass e mascherine FFP2, stretta del Governatorato Vaticano

Nuove norme in vigore fino al 28 febbraio 2022

L'Arcivescovo Vergez Alzaga, Presidente del Governatorato SCV
Foto: Archivio CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Visto l’aumento dei contagi da Covid-19 il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano ha disposto fino al prossimo 28 febbraio l’obbligo  dell’uso della mascherina FFP2 in tutti i luoghi chiusi. Permane l’obbligo di utilizzare all’aperto i dispositivi di protezione individuale delle vie respiratorie.

Inoltre “sono sospesi tutte le trasferte di lavoro, salva specifica autorizzazione degli Organi di governo per quelli non procrastinabili ed istituzionali; il personale del Governatorato che sia stato a contatto diretto con persona positiva se non vaccinato, fino al 31 gennaio 2022, potrà rientrare al posto di lavoro dopo isolamento fiduciario di dieci giorni, previo test antigenico finale negativo; se vaccinato con due dosi da più di 120 giorni potrà rientrare al posto di  lavoro dopo isolamento fiduciario di cinque giorni, previo test antigenico finale negativo; se vaccinato con due dosi da meno di 120 giorni o con booster potrà rientrare al posto lavoro con obbligo di uso dispositivo di protezione individuale delle vie respiratorie di tipo FFP2 in tutti i luoghi”.

Per quanto riguarda il Green pass rafforzato è obbligatorio l’uso dal 20 dicembre scorso per tutto il personale che svolge, a qualsiasi titolo, attività sanitaria o ausiliaria a questa; per tutto il personale che svolge attività di sicurezza, soccorso pubblico e protezione civile ; per tutto il personale che svolge funzioni di difesa; per tutto il personale (compresi i collaboratori esterni e il personale delle ditte esterne) che, a qualsiasi titolo, svolge attività a diretto contatto con il pubblico, con visitatori e fruitori di servizi; dal 10 gennaio è stato esteso ai i visitatori dei Musei Vaticani, dei Giardini Vaticani, dei Giardini delle Ville Pontificie e del palazzo Apostolico di Castel Gandolfo; ai partecipanti a convegni, seminari e ad ogni evento a questi assimilabile. La capienza massima è comunque ridotta al 35%; a tutti color o che fruiscono della ristorazione al chiuso. L’accesso al servizio Mensa e la consumazione dei pasti all’interno della struttura, seguendo le attuali modalità di prenotazione e i relativi turni, è consentita ai soli possessori del “Green Pass rafforzato” o a coloro che abbiano la certificazione medica riconosciuta comprovante l’impossibilità di sottoporsi alla somministrazione del vaccino;  dal prossimo 31 gennaio è esteso a tutto il restante personale (compresi i co1laboratori esterni, il personale delle ditte esterne, tirocinanti ecc.) che svolge attività lavorativa presso il Governatorato.

Tutte le categorie sopra elencate hanno l’obbligo di adempimento vaccinale della somministrazione  del booster con decorrenza dal 31 gennaio 2022 e comunque dal compimento del centoventesimo giorno dall’inoculazione della seconda dose.

Senza Green pass rafforzato il personale del Governatorato non può accedere al posto di lavoro e sarò considerato assente ingiustificato, con la conseguente sospensione della retribuzione giornaliera per‘ tutta la durata dell’assenza. Qualora 1’assenza ingiustificata si protragga, si procederà disciplinarmente ai  sensi del Regolamento vigente applicabile.

Ti potrebbe interessare