"Ho perdonato l'Isis e non ho ceduto all'odio!". La testimonianza di un giovane iracheno

"Ho perdonato l'Isis e non ho ceduto all'odio!" Azeez Sadeq ispira i giovani cristiani con la sua toccante esperienza

Azeez Sadeq
Foto: Azeez Sadeq
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Davanti a migliaia di giovani da tutto il mondo e a Papa Francesco all'Incontro dei giovani del 2018, un giovane iracheno ha raccontato ciò che ha subito negli ultimi quattro anni. Azeez è un giovane cristiano nato nella pianura di Ninive, da cui lui e la sua famiglia sono stati costretti a fuggire con migliaia di altri nel 2014 quando aveva solo 18 anni. Tuttavia, nonostante le difficoltà, la sua fede e la sua capacità di ispirare gli altri attraverso la sofferenza che ha vissuto ha spronato migliaia di altri giovani in tutto il mondo.

Dopo anni trascorsi lontani dalla loro casa, la sua famiglia ha preso la difficile decisione di trasferirsi in Francia, lasciando dietro di sé bellissimi ricordi e sogni di riunirsi con la casa di famiglia e i parenti. Non avevano altra scelta che proteggere la famiglia dai terroristi che stavano invadendo la loro regione.

Azeez ha riflettuto su come la sua famiglia non si sia mai arresa nei momenti di debolezza, mantenendo sempre la propria fede e la consolazione e la forza della Bibbia. Anche nei momenti più difficili, era fondamentale non abbandonare la loro fede. “Erano davvero in un deserto spirituale, ha sottolineato Azeez, ricordando tutte le tentazioni di rinunciare alla speranza, ma Dio aveva un altro scopo nella sua vita in tutto questo”.

Così Azeez ha iniziato la sua testimonianza raccontando di come Cristo ha operato nella sua vita e come le tragedie che lui e la sua famiglia hanno attraversato siano state opportunità in cui hanno scoperto l'amore divino di Cristo e il piano per loro. Queste lotte hanno portato al suo lavoro con i giovani, con coloro che avevano perso la speranza, e alla fine hanno portato a un sogno diventato realtà: incontrare il Papa e condividere la sua testimonianza con migliaia di persone. Era lì in Vaticano, a condividere il dolore della sua storia.

Concludendo la sua storia, Azeez ha condiviso il messaggio che trasmette a ogni persona che ascolta la sua testimonianza. "Nonostante tutto quello che ci è successo, l'odio non ha occupato il mio cuore nei confronti degli aggressori. Fin dal primo giorno ho perdonato tutto ciò che l'organizzazione aveva fatto nel nostro villaggio".

Ti potrebbe interessare