I cristiani si autocensurano, e così sono più vulnerabili di fronte al mondo

Uno studio promosso, tra gli altri, dall’Osservatorio sulla Intolleranza e le Discriminazione contro i cristiani in Europa lo mette in luce

La copertina del rapporto dell'Osservatorio sulla Intolleranza e Discriminazione dei Cristiani in Europa
Foto: OIDAC
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L’intolleranza porta i cristiani all’autocensura. Vale a dire che i cristiani, di fronte alle sempre più forti intolleranze, sono sempre più restii a dire il loro punto di vista, per timore di essere attaccati, fino a porsi persino domande sulle loro convinzioni. È questa la drammatica conclusione cui arriva il rapporto “Percezioni di autocensura: confermare e comprenderne l’effetto agghiacciante”, che snocciola cifre ed esempi di questo “effetto agghiacciante che, di fatto, congelerebbe i cristiani di fronte all’opinione pubblica.

La ricerca è basata su una metodologia esplorativa ed induttiva, e delinea quattro casi studio, delineati a seguito di interviste faccia a faccia a diversi cristiani praticanti di diversi settori della società. I quattro casi di studio provengono da Germania, Francia, Messico e Colombia.

Madeleine Enzlberger, Direttore Esecutivo di OIDAC Europa, ha sottolineato che “uno dei risultati più preoccupanti e tragici di questo rapporto è che se i costi sociali per seguire la tua convinzione ed esprimerla diventano troppo alti, le persone lo faranno alla fine abbandonare la loro fede. E sono soprattutto le persone più giovani e non istruite di cui la fede è a rischio qui”.

Friederike Boellmann, una delle tre autrici, ha sottolineato: “Non si tratta di una rigida legalità dei casi o anche persecuzioni. Ogni persona che ho intervistato ha notato un cambiamento nel clima o a restringimento del corridoio di opinione. È stato anche sorprendente scoprire che il caso tedesco rivela l'università come l'ambiente più ostile. E la più grande misura di autocensura che ho trovato nella mia

ricerca in ambito accademico”.

Il rapporto è il risultato di un'ampia ricerca qualitativa, condotta in 4 paesi, e costruisce, dopo un decennio di ricerca, l'intolleranza secolare. Sono state scelte Francia e Germania come esempi di Paesi europei con un grado avanzato di secolarizzazione. Messico e Colombia sono state scelte perché hanno sfide simili a quelle dei Paesi europei. Tuttavia, l’effetto agghiacciante in Francia e Germania è causato soprattutto da una mentalità culturale, piuttosto che sull’attuale panorama giuridico.

Riassumendo i casi in Messico e Colombia, Teresa Flores, in una presentazione lo scorso 9 giugno, ha concluso che “ossiamo dire che il fenomeno dell'autocensura non si configura solo quando un cristiano non manifesta apertamente manifestare la sua fede e le sue convinzioni religiose, ma si riferisce anche a situazioni in cui i cristiani non possono esprimere i propri punti di vista religiosi su questioni controverse. La ricerca rivela che sociale la pressione è anche un fattore molto influente di autocensura".

Dennis P. Petri, editore del rapporto, ha commentato: “Sappiamo dei casi giudiziari, delle minacce, ecc. Sappiamo da dove viene l'intolleranza secolare, sappiamo come si manifesta, ma non lo sappiamo conoscerne l'intensità. Abbiamo difficoltà a determinare in che modo influisca sulla Chiesa e la vita cristiana. Il problema con l'intolleranza secolare e con l'autocensura è quello succede molto spesso ma su piccola scala. Ma tutti quei piccoli incidenti si sommano. Ed ecco quando possiamo usare questa analogia di ‘morte per mille tagli. Un piccolo taglio non ti uccide, ma mille tagli possono. Può danneggiare la libertà religiosa.“

Simon Calvert ha spiegato che si è arrivati ad un livello di autocensura in cui “la gente pensa che esprimere delle opinioni cattoliche sia contro la legge, e ovviamente non lo è”.

È una dinamica molto presente in Paesi di secolarizzazione, come il Canada che Papa Francesco visiterà presto.

Magdalene Enzlberger, ha notato infine che “questi risultati non dovrebbero portare a paura, divisione o risentimento, ma piuttosto ad una migliore comprensione di quanto abbiamo bisogno di una società pluralistica, dove tutti possiamo parlare senza ripercussioni di vivere la nostra fede”.

Ti potrebbe interessare