I Decani del Sacro Collegio: il Cardinale Angelo Sodano

E' stato Decano dal 2005 alla fine del 2019. Porporato dal 1991, è stato Segretario di Stato con Giovanni Paolo II e per il primo anno di pontificato di Benedetto XVI

Il Cardinale Angelo Sodano (a sinistra) con il Cardinale Tarcisio Bertone
Foto: Alan Holdren CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dopo l'elezione a Romano Pontefice del Cardinale Decano Joseph Ratzinger, è il Cardinale Angelo Sodano ad assumere l'incarico di Decano del Collegio Cardinalizio.

Nato ad Isola d'Asti il 23 novembre 1927, viene ordinato presbitero il 23 settembre 1950. Dopo la formazione presso la Pontificia Accademia Ecclesiastica entra nel servizio diplomatico della Santa Sede.

Inizia a lavorare nella Nunziatura Apostolica in Ecuador per poi essere trasferito in Uruguay.

Nel 1968 viene richiamato in Vaticano per lavorare nel Consiglio per gli affari pubblici della Chiesa.

Il 30 novembre 1977 Paolo VI lo elegge Arcivescovo titolare di Nova di Cesare e lo nomina Nunzio Apostolico in Cile.

Rimane in Cile fino al 1988 quando Giovanni Paolo II lo chiama in Vaticano quale Segretario del Consiglio per gli affari pubblici della Chiesa.

Il 1° dicembre 1990 Giovanni Paolo II lo ha nominato Pro-Segretario di Stato. Diventa Segretario il 1° luglio successivo dopo essere stato creato Cardinale di Santa Romana Chiesa, del titolo di Santa Maria Nuova, il 28 giugno 1991.

Il 10 gennaio 1994 viene promosso all'Ordine dei Vescovi, del titolo della Chiesa suburbicaria di Albano.

Nel 2002 diventa Sottodecano del Collegio Cardinalizio.

Il 30 aprile 2005 diventa Decano del Sacro Collegio, assumendo il titolo della Chiesa suburbicaria di Ostia ed il29 giugno successivo riceve il pallio da Papa Benedetto XVI.

Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia da Segretario di Stato per raggiunti limiti di età il 15 settembre 2006.

In qualità di Decano presiede la Messa pro eligendo Romano Pontifice il 12 marzo 2013 ma essendo ultraottantenne non prende parte al conclave.

Il 21 dicembre 2019 Papa Francesco ha accettato la sua rinuncia da Decano del Collegio Cardinalizio.

Ti potrebbe interessare