I giovani della Siria invitano Papa Francesco a Damasco

Le prime tappe della visita del cardinale Leonardo Sandri in Siria

Le immagini degli incontri a Damasco del Cardinale Sandri
Foto: CCO
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Prosegue tra visite ed incontri la visita del Cardinale Sandri Prefetto della Congregazione per le Chiese orientali in Siria. 

Ieri la piccola delegazione che accompagna il cardinale, il Nunzio Cardinale Zenari e il Consigliere della nunziatura Mons. Colnago si sono recati alla cattedrale dell’Eparchia maronita di Damasco, ove sono stati accolti dal Vescovo S.E. Samir Nassar, che li ha condotti nella chiesa, per venerare parte delle reliquie dei “martiri di Damasco”. 

Una delle questioni più gravi da affrontare è la grave emorragia dei fedeli, soprattutto giovani. C’è poi la questione degli interventi di carità, e la Congregazione è stata ringraziata per i due interventi straordinari che ha offerto un sussidio straordinario a ciascuno dei singoli sacerdoti e religiosi operanti in Siria. Il Cardinale Sandri è stato ringraziato per l’intervento decisivo, su istanza della Nunziatura Apostolica, per stabilire tra le Chiese le modalità per la registrazione presso le Autorità di Caritas Siria.

La Caritas, dove il cardinale si è recato porta aiuti alcuni anche nelle zone pericolose del nord est, con più di 300 operatori e 150 volontari su tutto il territorio nazionale.

Da affrontare anche il rapporto tra le Chiese Orientali e la Chiesa di Roma, con la necessità di chiarire alcuni procedure previste nel Codice dei Canoni delle Chiese Orientali che forse potrebbero essere oggetto di un aggiornamento.

Anche la Sira soffre per il diffondersi di alcune sette con visioni dogmaticamente non corrette per le quali sarebbe necessario istituire una commissione teologica per studiare le loro affermazioni. 

 

A Damasco il cardinale si è recato in pellegrinaggio tra le diverse realtà che mostrano il volto della Chiesa a Damasco, dal dispensario di San Paolo e la mensa popolare, gestito dalle Suore Chouerite Melkite; all’Orfelinat di San Paolo. Un luogo dove sono accolti anche 

figli di famiglie cristiane il cui padre diventa musulmano e ottiene così il divorzio che per la legge e diciotto anni dovrebbero seguire la fede del padre.

A fine giornata l’incontro con i religiosi presenti a Damasco e nel sud della Siria al Memoriale di San Paolo dei Frati della Custodia di Terra Santa. Esperienze di lavoro con i giovani  come quella di un padre salesiano, cappellano nelle carceri che ha iniziato a visitare ed incontrare le famiglie dei detenuti e che un giorno si  è sentito abbracciare in strada da un giovane di 23 anni, che gli ha detto “Quando avevo 11 anni ho visto mio padre per la prima volta, perché prima era in prigione. È rimasto con noi solo sei anni, poi è tornato dietro le sbarre. Tu per me sei stato un padre!”.

Il 26 ottobre il Cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali aveva visitato il Patriarca S.B. Youssef Absi e i Vescovi cattolici di Siria riuniti per la loro Assemblea.

Il cardinale ha annunciato il dono della Congregazione per le Chiese Orientali, a nome del Santo Padre, di una donazione di USD 10000 per ogni circoscrizione cattolica del Paese, per un totale di 170.000 USD, per sostenere le situazioni di maggior bisogno individuate da ogni Vescovo. Il Cardinale Sandri ha annunciato la convocazione di una Conferenza nel marzo 2022 a Damasco, con i Vescovi e tutti gli operatori della carità delle singole Eparchie.

Anche in Siria si parla del cammino sinodale voluto dal Santo Padre per la Chiesa Universale.

Nel pomeriggio, alle ore 17, è stata celebrata la Solenne Divina Liturgia in rito bizantino presso la Cattedrale Melkita, co-presieduta dal Cardinale Sandri e dal Patriarca Youssef Absi, cui hanno assistito il Nunzio Apostolico Cardinale Zenari, i Vescovi cattolici di Damasco (siro, S.E. Battah, Maronita, S.E. Nassar, Armeno, S.E. Arnaoutian), diversi sacerdoti, religiosi e religiose e un gran numero di fedeli: il contesto era l’apertura del Sinodo a livello cittadino tra le diverse circoscrizioni cattoliche, appuntamento stabilito in modo analogo di quanto avvenuto nella città di Aleppo prima della notizia del cammino sinodale indetto da Papa Francesco per la Chiesa Universale. Il Cardinale Sandri ha ricordato di essere stato a fianco di San Giovanni Paolo II proprio nella cattedrale melkita di Damasco il 7 maggio 2001 nell’incontro con i giovani, ha invitato i presenti ad essere protagonisti di una rivoluzione dell’amore e della dignità umana. Il Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali ha ricevuto da parte dei giovani l’invito a Papa Francesco a visitare la Siria. 

 

 

Ti potrebbe interessare