Il Cardinale Becciu: “La Beata Maria Guadalupe: poliedrica e fedele al Vangelo”

Maria Guadalupe Ortiz de Landazuri
Foto: Opus Dei
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Ci troviamo, infatti, davanti ad una donna la cui vita è stata rischiarata solo dalla fedeltà al Vangelo. Poliedrica e perspicace, è stata luce per quanti ha incontrato nel corso della sua esistenza, attingendo coraggio e gioia di vivere dal suo abbandono in Dio, alla cui volontà aderiva giorno dopo giorno e la cui scoperta la rendeva coraggiosa testimone e annunciatrice della Parola di Dio”. Il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, il Cardinale Giovanni Angelo Becciu, descrive così Guadalupe Ortiz de Landázuri nella Santa Messa di Beatificazione avvenuta oggi presso il Palacio de Vistalegre di Madrid.

“Il suo dialogo con Dio, fin da giovinetta – continua il Cardinale nella sua omelia - era continuo e avveniva soprattutto mediante un’intensa vita sacramentale e prolungati tempi di raccoglimento: la Santa Messa e la confessione erano i pilastri del suo vissuto spirituale. La preghiera del rosario, recitata con grande devozione, era il segno evidente del suonprofondo legame con la Madre di Dio, alla cui intercessione era solita affidarsi. Maria Guadalupe ha compiuto un cammino di orazione completo e maturo, che la portò a sperimentare in modo profondo e mistico la presenza del Signore ed il suo amore misericordioso”.

Poi il Prefetto racconta quella parte di vita di Guadalupe legata all’Opus Dei: “Entrata nell’Opera, si rese disponibile, con animo entusiasta e generoso, a comunicare ovunque e a chiunque la gioia della scoperta della perla preziosa ed iniziò a svolgere un intenso apostolato in varie località, stringendo facilmente e dovunque amicizia con giovani che erano edificate dalla sua fede, pietà, carità ed allegria sana e contagiosa. Aveva ormai capito che l’unione con Dio non poteva limitarsi al momento della preghiera in cappella, ma che tutta la giornata le era offerta per intensificare il suo rapporto con il Signore”.

Conclude infine il Cardinale Becciu a Madrid: “La Beata Maria Guadalupe ha saputo essere, in ogni circostanza, dono per gli altri, curando specialmente la formazione delle studentesse e dedicandosi alla ricerca scientifica per promuovere il progresso dell’umanità. Inoltre, il suo cuore fu sempre aperto alle necessità del prossimo, traducendosi in accoglienza e comprensione. In ogni circostanza dimostrò di essere una donna forte”.

 

Ti potrebbe interessare