Il Cardinale Betori: "Come San Francesco fare dei poveri la misura dell’umano"

Il Cardinale Betori celebra ad Assisi la Messa in occasione della Festa di San Francesco. "San Francesco scoprì il volto di Cristo nel volto dei lebbrosi"

Il Cardinale Betori
Foto: San Francesco Patrono d'Italia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nella sua amata Assisi San Francesco viene celebrato e festeggiato. Al Sacro convento di Assisi è il Cardinale Giuseppe Betori, Arcivescovo metropolita di Firenze e presidente della Conferenza Episcopale Toscana, a tenere l'omelia nel giorno dedicato al Patrono d'Italia. E' stata accesa la lampada votiva che arde davanti alla tomba del santo.

 

Quest'anno è il sindaco di Firenze Dario Nardella ad offrire l'olio a nome della regione Toscana. Presenti ad Assisi oltre 4mila pellegrini e 50 sindaci toscani.
Alla Messa partecipano, fra gli altri, il presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, il Legato Pontificio per le Basiliche Papali, Cardinale Agostino Vallini, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi e il sindaco di Firenze, Dario Nardella.


Nella sua omelia il Cardinale Betori ricorda subito il carisma straordinario del poverello di Assisi: "San Francesco scoprì il volto di Cristo nel volto dei lebbrosi e quello sguardo diede inizio al cammino della penitenza, che lo staccò dal peccato e gli pose nel cuore la dolcezza. Su questa capacità di incrociare lo sguardo dei poveri si gioca la credibilità della nostra Chiesa e l’efficacia del suo annuncio. È questa la sfida che ci attende, come Chiesa ma anche come Paese: fare dei poveri e della loro cura la misura dell’umano.  Questo senza porre barriere, perché il problema non è chi sia il mio prossimo perché io possa o debba curarmi di lui, ma di come io debba farmi prossimo a tutti, fino al più lontano, al nemico".


Diceva pertanto il beato Francesco che Dio volle e rivelò a lui che i frati si chiamassero “minori”, perché questo è il popolo povero e umile, che il Figlio chiese al Padre suo. "Piccoli e minori - sottolinea l'Arcivescovo nella sua omelia -  cioè tutto il contrario delle pretese dell’uomo d’oggi, che si vorrebbe adulto, autonomo, autosufficiente, uscito per l’appunto dalla minorità. Ma ben conosciamo come questa pretesa di autonomia, di svincolata libertà abbia condotto agli abissi della massificazione totalitaria e alle secche della frantumazione sociale, fino alle contraddizioni di uno sviluppo che si è tramutato in crisi economica, e allo spaesamento delle frustrazioni personali che sfociano nell’angoscia. Su questa strada si collocano ora le minacciose nubi generate, soprattutto ai confini della vita, da una pretesa di autodeterminazione senza riferimenti valoriali e senza legami sociali".

 

Nel pomeriggio arriverà ad Assisi il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Sarà ad Assisi alle 16 per i Vespri Pontificali nella Basilica Inferiore di San Francesco presieduti da mons. Augusto Paolo Lojudice, Arcivescovo di Siena-Colle di Val D’Elsa-Montalcino. A seguire parteciperà alla processione alla Basilica superiore e alla benedizione, all’Italia e al mondo, con la Chartula: l’autografo di San Francesco contenente la preghiera “Le lodi di Dio Altissimo” e la benedizione a Frate Leone.

 

La comunità francescana del Sacro convento di Assisi ha aderito alla campagna "Un albero in più" promossa dalla comunità "Laudato Si". Lo ha annunciato il direttore della Sala stampa del Sacro convento di Assisi, padre Enzo Fortunato, intervenendo alle celebrazioni per la Festa di San Francesco. Padre Fortunato ha reso noto che ognuno dei frati della Comunità, una settantina, pianterà un albero.


Le Ferrovie dello Stato Italiane hanno messo a disposizione, da oggi al 5 ottobre, uno sconto particolare per i pellegrini che raggiungeranno la città del poverello in treno.

 

Ti potrebbe interessare