Il cardinale Kasper ai vescovi tedeschi,se non ascoltate le critiche vi romperete il collo

In un intervento pubblicato su neueranfang.online il cardinale spiega gli errori del "Cammino Sinodale"

Il cardinale Walter Kasper
Foto: CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un influente teologo considerato vicino a Papa Francesco mette in guardia  il "Cammino sinodale" della Chiesa cattolica in Germania: rischiate di "rompervi il collo" se non ascoltate le obiezioni sollevate da un numero crescente di vescovi in tutto il mondo.

Il cardinale Walter Kasper, come riferisce CNA Deutsch, ha detto che gli organizzatori stanno usando un "trucco pigro" che in effetti costituisce un "colpo di stato" che potrebbe comportare dimissioni collettive.

L'89enne cardinale tedesco è presidente emerito del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani ed ex vescovo di Rottenburg-Stoccarda nel sud-ovest della Germania.

Ha parlato in una giornata di studio online domenica 19 giugno, dell'iniziativa "New Beginning" (Neuer Anfang), un movimento di riforma critico nei confronti del "Cammino Sinodale"

Kasper ha avvertito che la Chiesa non è una sostanza da "modellare e rimodellare per adattarsi alla situazione".

Lo scorso aprile più di 100 cardinali e vescovi di tutto il mondo hanno firmato una "lettera aperta fraterna" ai vescovi tedeschi, avvertendo che cambiamenti radicali nell'insegnamento della Chiesa sostenuti dal processo potrebbero portare ad un nuovo scisma che nasce dalla Germania.

A marzo, una lettera aperta dei vescovi scandinavi ha espresso preoccupazione per il processo tedesco e, a febbraio, una lettera fortemente formulata dal presidente della conferenza episcopale polacca ha sollevato serie preoccupazioni.

Tali preoccupazioni "saranno ripetute e riaffermate e, se non le ascoltiamo, spezzeranno il collo del Cammino Sinodale", ha avvertito Kasper nel suo discorso.

È stato "il peccato originale del Cammino sinodale" che non si è basato sulla lettera del Papa alla Chiesa in Germania con la sua "proposta di essere guidati dal Vangelo e dalla missione fondamentale dell'evangelizzazione".

Invece, il processo tedesco, avviato dal cardinale Reinhard Marx, "ha intrapreso la propria strada con criteri parzialmente diversi", ha detto Kasper.

Nel giugno 2019, Papa Francesco ha inviato una lettera di 19 pagine ai cattolici tedeschi esortandoli a concentrarsi sull'evangelizzazione di fronte a una "crescente erosione e deterioramento della fede".

Il presidente della conferenza episcopale tedesca, il vescovo Georg Bätzing, ha ripetutamente respinto tutte le preoccupazioni, esprimendo invece delusione per Papa Francesco nel maggio 2022.

In un'intervista pubblicata all'inizio di giugno, Papa Francesco ha ribadito di aver detto al leader dei vescovi cattolici tedeschi che il paese aveva già "un'ottima Chiesa evangelica" e "non ne abbiamo bisogno di due".

"Il problema sorge quando la via sinodale proviene dalle élite intellettuali e teologiche ed è molto influenzata dalle pressioni esterne", ha detto il papa.

Bätzing, presidente del " Cammino sinodale" sinodale", è anche firmatario della "Dichiarazione di Francoforte". Questa petizione richiede ai vescovi tedeschi di dichiarare il loro impegno ad attuare le risoluzioni approvate dal processo.

Domenica, Kasper ha denunciato questa spinta per "impegno", dicendo che era "un trucco e, inoltre, un trucco pigro".

"Immaginiamo un funzionario pubblico che si lascia nominare, poi rinuncia all'esercizio dei suoi obblighi legali", ha detto il cardinale. "Sarebbe sicuro di affrontare procedimenti ai sensi della legge sulla funzione pubblica. In definitiva, un tale impegno personale equivarrebbe a una rassegnazione collettiva dei vescovi. Costituzionalmente, il tutto poteva essere definito solo un colpo di stato, cioè un tentativo di colpo di stato".

La Chiesa non può mai essere governata sinodalmente, ha sottolineato Kasper: "I sinodi non possono essere resi istituzionalmente permanenti". Invece, ha detto, un sinodo costituiva "un'interruzione straordinaria" dei procedimenti ordinari.

La "Il Cammino sinodale " si descrive come un processo che riunisce i vescovi tedeschi e i laici selezionati per discutere e approvare risoluzioni sul modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa, la morale sessuale, il sacerdozio e il ruolo delle donne.

I partecipanti hanno votato a favore di bozze di documenti che chiedono l'ordinazione sacerdotale delle donne, le benedizioni omosessuali e le modifiche all'insegnamento della Chiesa sugli atti omosessuali, suscitando accuse di eresia e timori di scisma.

Il cardinale Kasper ha ripetutamente espresso preoccupazione per l'evento pluriennale, ma il presidente della conferenza episcopale, il vescovo Georg Bätzing, lo ha difeso vigorosamente.

Domenica Kasper ha usato le parole tedesche dal suono stretto Neuerung ("rinnovamento") ed Erneuerung ("innovazione") per dire che si potrebbe "non reinventare la Chiesa", ma piuttosto si dovrebbe contribuire a rinnovarla nello Spirito Santo: "il rinnovamento non è innovazione. Non significa solo provare qualcosa di nuovo e inventare una nuova Chiesa".

Invece, ha continuato Kasper, la vera riforma riguardava "lasciare che lo Spirito di Dio ci renda nuovi e ci dia un cuore nuovo". Analogamente, ha detto, il termine "riforma" si applica a riportare la chiesa "in forma", "vale a dire nella forma che Gesù Cristo voleva e che ha dato alla Chiesa. Gesù Cristo è il fondamento, nessuno può deporre un altro (1 Cor 3,10 f); è allo stesso tempo la pietra angolare che tiene tutto insieme (Ef 2,20). Lui è lo standard, l'Alfa e l'Omega di ogni rinnovamento".

Ti potrebbe interessare