Il Cardinale Kung Pin-mei, il martire del regime comunista cinese

20 anni fa la morte del porporato incarcerato per 30 anni per la sua fedeltà al Papa

L'incontro tra Giovanni Paolo II e il Cardinale Kung Pin-mei
Foto: Asianews
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

20 anni moriva il Cardinale cinese Ignatius Kung Pin-Mei, vescovo di Shanghai e martire del regime comunista della Repubblica Popolare: fu carcerato per 30 anni per la sua attività pastorale e la fedeltà alla Santa Sede.

Nato nel 1902, fu ordinato sacerdote nel 1930 e consacrato vescovo nel 1949 per volontà di Papa Pio XII.

L’8 settembre 1955 venne arrestato per attività controrivoluzionaria .

Nel 1979 Giovanni Paolo II nel suo primo concistoro lo creò cardinale di Santa Romana Chiesa riservandolo in pectore.

Monsignor Kung Pin-Mei venne rilasciato dalle autorità cinesi nel 1986 ma fu costretto agli arresti domiciliari per altri due anni.

Giovanni Paolo II pubblicò il nome del Cardinale Kung Pin-Mei nel concistoro del giugno 1991.

E’ morto a Stamford, negli Stati Uniti, il 12 marzo 2000 all’età di 98 anni.

Ti potrebbe interessare