Il cardinale Sandri alla mostra su Adulis in Eritrea; cessi lo sfruttamento di quei popoli

La celebrazione della Messa
Foto: Aci Stampa
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Un modo di dare voce ad un paese e al suo glorioso passato l’odierna Eritrea che nell’oggi va piuttosto sui giornali per l’interminabile esodo dei suoi giovani figli e figlie, molti dei quali trovano la morte lungo la strada del deserto o nel mar Mediterraneo”.

Così il cardinale Leonardo Sandri ha commentato la mostra che il Pontificio Istituto di Archeologia cristiana ha inaugurato all’inizio dell’ Anno Accademico il 5 novembre

La mostra riguarda la città di Adulis, oggi in una zona non abitata dell’Eritrea, dove il Piac collabora ad un grande progetto di scavo in collaborazione con altre istituzioni universitarie  internazionali.

In apertura dell’ anno accademico il cardinale Prefetto della Congregazione delle Chiese orientali ha celebrato la messa a Santa Prassede. All'inaugurazione della Mostra hanno partecipato il cardinale Francesco Coccopalmerio e l'Ambasciatore dell'Eritrea presso il Quirinale.

Nella omelia il Prefetto ha detto che “nessuno deve aver paura della cultura, nessuno deve temere la riscoperta dei tesori della propria storia. Adulis ci testimonia una città aperta sul mare, resa ricca e splendente dalla circolazione dei beni e delle persone, nella sua vocazione ad essere porto che si affaccia sull’Oriente ma è collegato anche con le vie carovaniere che provengono dal Mediterraneo. L’identità di questa città è una profezia sul presente, perché quelle terre tornino a poter risplendere di luce, e cessi l’accaparrarsi delle risorse, delle basi militari sul mar Rosso da parte di varie potenze regionali ed internazionali, o che almeno questo avvenga favorendo la crescita del popolo e non perpetuando la sua difficoltà.

Siamo certi che lo Spirito del Signore Risorto potrà accompagnare i passi delle vostre ricerche, che proseguono le attività avviate a suo tempo dai fratelli Castiglioni, illumini i governanti e il popolo perché possa tornare a fiorire una civiltà di giustizia e di pace”.

 La mostra essenzialmente fotografica sarà allestita al Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana fino a tutto dicembre ed è visitabile negli orari di apertura del PIAC.

Domenica scorsa 4 novembre festa di San Carlo il cardinale aveva celebrato la messa votiva per San Carlo come titolare dei santi Biagio e Carlo ai Catinari.

Dopo il terremoto che ha colpito il centro Italia la chiesa parrocchiale è stata chiusa al culto e alle visite, in attesa che le Autorità Civili competenti possano portare a termine i lavori di restauro e consolidamento della cupola. Da quest'anno, per decisione del Vicariato di Roma, la comunità parrocchiale è ospite presso la vicina rettoria di Santa Barbara, appartenente al territorio parrocchiale.

Il cardinale nella sua omelia ha ricordato una parala del Sinodo dei vescovi appena concluso: ascolto. “Non potremmo celebrare oggi il Borromeo nostro patrono- ha detto- se nel tempo della sua giovinezza egli non avesse incontrato testimoni esemplari di vita cristiana e di sincero cammino di riforma della Chiesa”.

Ti potrebbe interessare