Il Cardinale Stella: La santità di Papa Luciani è importante per la Chiesa e per il mondo

E’ tutto pronto in Vaticano per la beatificazione di Giovanni Paolo I, che avrà luogo domenica mattina 4 settembre

Il Cardinale Beniamino Stella
Foto: Vatican Media
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ tutto pronto in Vaticano per la beatificazione di Giovanni Paolo I, che avrà luogo domenica mattina 4 settembre durante la Messa celebrata da Papa Francesco.

Dopo il pronunciamento della formula di beatificazione sarà consegnato al Pontefice il reliquiario, opera ideata e realizzata dallo scultore Franco Murer, che contiene la reliquia del nuovo Beato: uno scritto autografo di Albino Luciani - Giovanni Paolo I, appunto su foglio bianco risalente al 1956 . Unno schema per una riflessione spirituale sulle tre virtù teologali che richiama il Magistero delle udienze generali del 13, 20 e 27 settembre 1978. Il reliquiario sarà conservato nella Cattedrale di Belluno.

Stamane si è tenuta la conferenza stampa di presentazione a cui ha partecipato tra gli altri il Cardinale Beniamino Stella, Prefetto emerito della Congregazione per il Clero, postulatore della causa di beatificazione.

Il porporato, dopo aver ricordato le fasi della causa di beatificazione, ha sottolineato che la svolta per l’avvio della causa si ebbe con “il consenso di iniziare il processo a Belluno e non a Roma, sede competente in quanto luogo dove il Candidato agli Altari era morto”.

Di importanza eccezionale – ha aggiunto il Cardinale Stella – “la testimonianza di papa Benedetto XVI per il suo finora unicum storico, in quanto è la prima volta che un papa emette una testimonianza de visu su un altro papa”.

“Diciannove anni di lavoro – ha sottolineato ancora il Cardinale Stella - la causa di Papa Luciani, anche se si è aperta a 25 anni dalla morte, non è stata né più lunga di altre, né più breve e agevolata di altre, per essere lui un Pontefice della Chiesa. È stata una ricerca senza sconti: accurata, coscienziosa, scrupolosa, condotta con metodo storico-critico, sulla base di una seria e omnino plena investigazione delle fonti archivistiche, di una mirata ricerca bibliografica e di un ricco panorama testimoniale. Tutto è stato fatto secondo le regole canoniche, con scienza e coscienza da parte di chi vi ha lavorato per anni con passione e dedizione. Di Luciani metterei in evidenza tre caratteristiche: sacerdote che pregava, che viveva poveramente e che si sentiva bene con la gente.”.

La santità di vita cristiana di Giovanni Paolo I – ha concluso il Cardinale Stella - è quella che si vive nella umiltà e nella dedizione quotidiana alla Chiesa e al prossimo, ispirate dalle virtù teologali, praticate con fervore interiore, e dove la croce e il sacrificio, e talvolta l’umiliazione, hanno da contribuire a rendere il discepolo di Gesù più vicino al suo Signore. Una fede che va all’essenziale del Vangelo, che è annuncio e pratica della carità. Da prete, vescovo e Papa è stato capace di manifestare attraverso la sua vita la tenerezza di un Dio misericordioso e materno. La santità di Papa Luciani è importante per la Chiesa e per il mondo di oggi. Ci testimonia il volto di una Chiesa umile, laboriosa e serena, preoccupata della sequela del suo Signore, lontana dalla frequente tentazione di misurare l’incidenza e il valore del Vangelo dallo stato di opinione della gente, o della società, nei propri confronti. Albino Luciani ci ha insegnato attraverso la sua testimonianza di vescovo, che ha a cuore la dimensione universale della Chiesa, l’importanza dell’amore generoso e dell’obbedienza incondizionata al Successore di Pietro, così come il grande valore dell’unità e della comunione episcopale”.

Particolarmente toccante la testimonianza di Suor Margherita Marin, una delle religiose che si è occupata di Giovanni Paolo I assistendolo nell’appartamento del Palazzo Apostolico.

“Nel corso di quel mese – ha ricordato la religiosa - io l’ho veduto sempre tranquillo, sereno, sicuro. Sembrava che avesse fatto da sempre il Papa. Anche nella preghiera si vedeva che era unito al Signore. Sapeva trattare con i suoi collaboratori con molto rispetto, scusandosi per recare disturbo. Non l’ho mai visto avere gesti di impazienza con qualcuno, mai. Infondeva coraggio. Era affabile con tutti”.

L’ultimo giorno fu come gli altri. Quel pomeriggio lì – ha detto ancora la suora - rimase sempre in casa, non si mosse mai dall’appartamento e non ricevette nessuno perché ci disse che stava preparando un documento ai vescovi. Io non so però a quali vescovi fosse indirizzato. Dopo cena ricevette la chiamata del cardinale di Milano Giovanni Colombo. Non ricordo esattamente quanto tempo rimase in quella conversazione, forse una mezza ora. Dopo venne da noi, come faceva sempre, per salutarci prima di ritirarsi nel suo studio. Ricordo che mi chiese quale messa gli avessi preparato per il giorno seguente e gli risposi: «Quella degli Angeli». Ci augurò la buona notte con le parole che ogni sera ci ripeteva: «A domani, suore, se il Signore vuole, celebriamo la messa insieme». Ho impresso ancora nella memoria un particolare di quel momento lì: eravamo tutte assieme nel salottino con la porta aperta, la porta era proprio davanti a quella dello studio privato, e quando, dopo averci già salutato, il Santo Padre è stato sulla porta dello studio, si è girato ancora una volta e ci ha salutato di nuovo, con un gesto della mano, sorridendo... mi sembra di vederlo ancora lì sulla porta. Sereno come sempre. È l’ultima immagine che mi porto di lui”.

Ti potrebbe interessare