Il Meeting di Rimini incentrato sull’Ucraina. Gallagher: “Papa Francesco ci andrà”

Non si sa quando e come, ma il Papa sarà in Ucraina, dice il segretario vaticano per i rapporti con gli Stati. Svelato il programma del meeting

L'arcivescovo Gallagher alla presentazione del Meeting 2022
Foto: Facebook Meeting Rimini
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Meeting per l’Amicizia tra i Popoli si terrà, come sempre, a Rimini dal 20 al 24 agosto, avrà come tema una frase di don Luigi Giussani (“Una passione per l’uomo”) e sarà incentrato sull’attualità, e in particolare sulla guerra in Ucraina. Ed è lì che Papa Francesco andrà presto, forse già ad agosto, ha rivelato l’arcivescovo Paul Richard Gallagher, “ministro degli Esteri” vaticano, alla presentazione del programma del Meeting lo scorso 12 luglio all’ambasciata di Italia presso la Santa Sede.

Papa Francesco andrà sicuramente in Ucraina – ha detto il “ministro degli Esteri” vaticano – Andrà, quando e come non si sa”. Molto dipenderà dal viaggio in Canada, dove Papa Francesco sarà dal 24 al 30, e allora “si tratterà di vedere come si sentirà dopo il viaggio in Canada. Per quanto riguarda un viaggio a Mosca, invece, Gallagher ha detto che “non saprebbe dire al momento. A Kyiv sicuramente andrà”.

Oltre all’arcivescovo Gallagher, hanno presentato il programma del Meeting anche Bernhard Scholz, presidente della Fondazione Meeting per l’Amicizia tra i Popoli, Elena Bonetti, ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, e Stefano Lucchini,

Chief of Institutional Affairs and External Communication Officer, Intesa Sanpaolo.

In apertura, Scholz ha affermato che “in questa situazione segnata dalla guerra contro l’Ucraina, con dolori inimmaginabili soprattutto per bambini e donne con conseguenze ancora imponderabili per il contesto geopolitico, ospiteremo testimonianze dall’Ucraina e dalla Russia, dando spazio anche alle comuni radici culturali europee”.

Tra gli ospiti, il presidente del Consiglio Mario Draghi, il presidente della Corte Costituzionale Giuliano Amato, il Commissario Europeo dell’Economia Paolo Gentiloni. E poi, il Cardinale Matteo Zuppi, presidente della CEI, che terrà la relazione centrata sul titolo del Meeting.

Il patriarca di Gerusalemme dei Latini Pierbattista Pizzaballa, il Cardianale Dieudonné Nzapalainga, Arcivescovo di Bangui, Centrafrica; l’arcivescovo Paolo Pezzi della Madre di Dio a Mosca interverranno a un panel sugli “Artigiani di pace”.

Tra le mostre, da segnalare “Giussani 100. 1922-2022 centenario della nascita”, dedicata al Servo di Dio Don Luigi Giussani, fondatore del Movimento di Comunione e Liberazione.

Ti potrebbe interessare