Il Papa nel reatino in visita privata in due conventi di suore

Il Papa in visita privata a Rieti con il vescovo Pompili
Foto: FB
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il Papa nel Rieti oggi in visita privata con il vescovo Domenico Pompili.

Papa Francesco si è concesso qualche ora di vacanza oggi tra le bellezze del reatino accompagnato dal vescovo Domenico Pompili. La visita si è svolta tra Carsoli e Borgo San Pietro a Rieti dove il Papa si è recato dalle suore francescane di Santa Filippa Mareri. Il Papa ha visitato il  monastero situato a Borgo San Pietro, attiguo alla chiesa parrocchiale, casa madre e cuore dell' istituto e punto di riferimento per i paesi del Cicolano e della Valle Reatina.

Nella prima parte della visita il Papa è stato a Carsoli dalle le "Suore Benedettine Riparatrici del Santo Volto di Nostro Signore Gesù Cristo" fondate da Padre Ildebrando Gregori. La congregazione delle Suore Benedettine Riparatrici del Santo Volto di N.S.G.C. conta oggi case in Italia, in Polonia e in India.

Papa Francesco non è nuovo a sorprese del genere. Una nuova giornata indimenticabile per la Diocesi di Rieti dopo la visita nel gennaio scorso a Greccio, dove era in corso il Meeting dei Giovani.

"Nella foto scattata durante l’evento,- scrive Daniela Melone sull'edizione reatina del Messaggero-  è radioso il sorriso del vescovo Domenico Pompili e di suor Angela Severino, la religiosa che da alcuni mesi è accanto al pastore della Chiesa reatina".

"Il Santo Padre- scrive Il Messaggero- è rimasto un ora circa al convento, perlustrato da cima a fondo prima del suo arrivo, intorno alle 15.30. Parlando con le suore il Vescovo aveva semplicemente detto “vengo a trovarvi con amici”, mai avrebbero immaginato di vivere una emozione così grande. E’ rimasto molto colpito dalla storia della Santa. Le suore hanno preparato una sedia per il Papa dove si è soffermato a pregare in silenzio davanti al cuore di Filippa Mareri. Il suo cuore incorrotto è stato esposto nella cappellina di santa Filippa Mareri che ospita le reliquie e l’abito cucito a mano.

Un luogo che le suore chiamano “la piccola Porziuncola” dove dopo la compieta tutte le sere pregano per le intenzioni della gente. A lui hanno poi intonato l’inno “Eletta sposa di Gesù”. Il Papa avrà poi di certo ammirato i dipinti che il grande artista Giorgio De Chirico ha donato al monastero".

Ti potrebbe interessare