Il Papa ai Mercedari: "La gioia della Chiesa è evangelizzare"

Questa mattina, nel Palazzo Apostolico Vaticano, Papa Francesco riceve in Udienza i partecipanti al Capitolo Generale dell'Ordine della Beata Maria Vergine della Mercede. Ecco cosa ha detto loro il Papa

Papa Francesco, Ai partecipanti al Capitolo Generale dell'Ordine della Beata Maria Vergine della Mercede
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Questa mattina, nel Palazzo Apostolico Vaticano, Papa Francesco riceve in Udienza i partecipanti al Capitolo Generale dell'Ordine della Beata Maria Vergine della Mercede. Il Papa si è rivolto ai Mercedari con un lungo discorso in spagnolo.

Francesco ricorda il tema dell'assemblea, pienamente in linea con l'origine mariana della sua vocazione, il versetto del Vangelo di san Giovanni: "Fate quello che vi dirà!".

"La prima richiesta che la Madonna fa a voi oggi, come membri del Capitolo generale, è di ascoltare. Molte le realtà che possiamo vedere oggi nel mondo, nella Chiesa, nell'Ordine ci parlano di questa mancanza, ci parlano della mancanza di speranza, di motivazione, la Vergine li sfida: ascolta!", dice il Papa in spagnolo.

"Cosa dobbiamo ascoltare? - chiede il Pontefice - Le voci che ci parlano di tutto ciò che è negativo? Le voci che ci vendono soluzioni facili, o programmi contorti pieni di erudizione? Queste sono tutte le tentazioni di un capitolo generale. Fate attenzione!".

"Credo che oggi Maria vi dica un'altra cosa, chieda che sia Gesù a interrogare il vostro cuore in un modo nuovo, originale, inaspettato. Prima di tutto, ascolta Dio, per quanto puoi parlaci attraverso il fratello o le circostanze", commenta Papa Francesco.

"Il Signore ci chiede: ricominciate, ricominciate ogni giorno, in ogni progetto, non stancatevi, Non scoraggiatevi. È una cosa che Gesù ripete nel suo Vangelo, quando chiede a Pietro di calare di nuovo le reti, e risponde: Signore, non abbiamo preso niente! - continua il Papa nel suo discorso - La realtà a cui ci siamo riferiti prima può sembrare una lunga notte; il nostro lavoro può sembrarci una stanchezza senza senso, se non viene percepito come una risposta generosa alla chiamata di Gesù, unendosi alla Chiesa nell'opera di evangelizzazione. Perché la vocazione della Chiesa è evangelizzare, la gioia della Chiesa è evangelizzare, e vedere una cosa interessante, che nonostante tutto, contraddizioni, problemi, la rete non si rompe".

"Apriamo i nostri cuori per accogliere la sorpresa che Gesù ci porta. Non so cosa sarà e neanche tu lo sai. Oggi ci sono anche i prigionieri, come sempre. Cambiano la geografia ambiano modalità, cambiano colore...Le nuove schiavitù, quelle che si nascondono, quelli che non si conoscono, quelli nascosti, ma ce ne sono tanti. Anche in megalopoli come Roma, Londra, Parigi, tutto, ci sono schiavitù che continuano. Cercali e chiedi al Signore: Cosa faccio?", conclude il Papa.

Ti potrebbe interessare