Il Papa alla Rota Romana, servono coppie di sposi evangelizzatori

Ricorda Aquila e Priscilla e chiede che si lasci spazio alla coppie nelle parrocchie

Il Papa e i giudici della Sacra Rota
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Alla scuola di Aquila e Priscilla il Papa parla ai giudici della Rota Romana ispirandosi alla coppia id sposi cristiani dei primi secoli.

In un mondo dove il matrimonio si vive in modo lontano dalla idea cristiana la riforma del processo di constatazione di nullità matrimoniale velocizzata sembra un grande dono pastorale ha detto il decano della Rota Pio Vito Pinto.

Il Papa riprende la catechesi del novembre 2019 sulla coppia di sposo che lavoravano con San Paolo “itineranti, sempre in movimento” e sottolinea che nei secoli questo ruolo di coppia evangelizzatrice si è perso.

Eppure sono una immagine moderna di prossimità nei confronti di chi magari è lontano dalla Chiesa.

Papa Francesco chiede ai vescovi di ridare vita a queste figure che accanto ai pastori che, dice il Papa a volte sono chiusi e rigidi e pensano solo ad un circoli di perfetti, possono invece essere un lievito non che rimane isolato ma che entra nella massa e la fa crescere.

"Gli sposi cristiani dovrebbero apprendere da Aquila e Priscilla come innamorarsi di Cristo e farsi prossimi alle famiglie, prive spesso della luce della fede, non per la loro colpa soggettiva, ma perché lasciate al margine della nostra pastorale: pastorale d’élite che dimentica il popolo".

Sposi che possono andare nei palazzi dove Dio non arriva, che scuotano il sonno con coraggio.

Ai pastori il ruolo di essere vicini e sostenere le coppie perché non cadano nelle ideologie e perché abbiano come riferimento sempre la parrocchia luogo ecclesiale dell’annuncio e della testimonianza.

Le coppie come Aquila e Priscilla sono perfette dice il Papa per la preparazione al Sacramento del  matrimonio, ed è lo Spirito a suscitarle nelle comunità, i pastori devono solo essere aperti ad accettarle.

Il Papa ha ricordato poi la prossimità e la gratuità come due perle della riforma del processo e questo deve far si che non si debba avere paura del giudizio e quindi ogni giudice deve chiedersi: sono stato prossimo ho sono stato preso da interessi commerciali?

Non rassegnarsi allora dica il Papa ad una Chiesa di pochi, ma al buio della fede si risponde con l’ invito a consegnare al futuro la bellezza della famiglia cristiana e per questo servono coppie di sposi che siano testimoni coerenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare