Il Papa: il dono è amore disarmato che si traduce in servizio

Papa Francesco nella Sala Clementina
Foto: OR/ Aci Gruop
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Tutti dovremmo sentire la grande responsabilità di custodire adeguatamente il creato e averne cura, proteggendolo alle diverse forme di degrado. Abbiamo il compito di conservare e consegnare integro alle future generazioni il pianeta, che abbiamo ricevuto come dono gratuito dalla bontà di Dio. Di fronte alla crisi ecologica che stiamo vivendo, la prospettiva del dono ricevuto e da consegnare a chi verrà dopo di noi è motivo di impegno e di speranza”.

Il Papa ha ricevuto in Vaticano i partecipanti all’Incontro promosso dall’Istituto Italiano della Donazione, in occasione della Giornata del Dono 2017.

Il tema del dono Francesco lo ha affrontato facendo riferimento alle parole di Gesù  che “sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, l’ora della sua Pasqua di morte e risurrezione, Egli si congeda dagli Apostoli con la consegna dell’amore, quasi fosse un testamento”. Si tratta di “un amore che si traduce nel servizio agli altri” e “un amore disarmato, che si rivela più forte dell’odio.

Questa è la regola dell’amore per quanti vogliono seguire Gesù: lasciarsi afferrare da Lui, amare con Lui, modellare le proprie azioni sulla sua infinita generosità”.

Non un concetto astratto quindi la cultura del dono e “specialmente i ragazzi e i giovani, sono chiamati a fare la stupenda esperienza del dono. Si tratta di un’esperienza educativa, che fa crescere umanamente e spiritualmente, aprendo la mente e il cuore agli ampi spazi della fraternità e della condivisione. Così si costruisce la civiltà dell’amore!”.

Ti potrebbe interessare