Il Papa: "In certi Paesi chi ha una Bibbia è come se nascondesse bombe a mano"

Papa Francesco
Foto: Marco Mancini Acistampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Miei cari giovani amici, se voi vedeste la mia Bibbia, forse non ne sareste affatto colpiti. Direste: Cosa? Questa è la Bibbia del Papa? Un libro così vecchio, così sciupato!. Potreste anche regalarmene una nuova, magari anche una da 1.000 euro: no, non la vorrei. Amo la mia vecchia Bibbia, quella che ha accompagnato metà della mia vita. Ha visto la mia gioia, è stata bagnata dalle mie lacrime: è il mio inestimabile tesoro. Vivo di lei e per niente al mondo la darei via”. Lo scrive Papa Francesco nella prefazione alla Bibbia per i giovani.

“Voglio dirvi una cosa – aggiunge con amarezza il Pontefice – oggi, ancor più che agli inizi della Chiesa, i cristiani sono perseguitati; qual è la ragione? Sono perseguitati perché portano una croce e danno testimonianza di Cristo; vengono condannati perché possiedono una Bibbia. Evidentemente la Bibbia è un libro estremamente pericoloso, così rischioso che in certi Paesi chi possiede una Bibbia viene trattato come se nascondesse nell’armadio bombe a mano!”.

Ma cos’è la Bibbia? Si chiede il Papa… “Un capolavoro letterario? Una raccolta di antiche e belle storie?” No è un Libro “divino: un libro come fuoco, un libro nel quale Dio parla. Perciò ricordatevi: la Bibbia non è fatta per essere messa su uno scaffale, piuttosto è fatta per essere tenuta in mano, per essere letta spesso, ogni giorno, sia da soli sia in compagnia”.

Francesco invita i giovani a letture bibliche comunitarie, letture attente “non rimanete in superficie, come si fa con un fumetto! La Parola di Dio non la si può semplicemente scorrere con lo sguardo!”.

Quando io leggo la Bibbia – conclude Papa Bergoglio – “la leggo per un po’, poi la metto in disparte e mi lascio guardare dal Signore. Non sono io a guardare Lui, ma Lui guarda me: Dio è davvero lì, presente. Così mi lascio osservare da Lui e sento — e non è certo sentimentalismo —, percepisco nel più profondo ciò che il Signore mi dice. Volete farmi felice? Leggete la Bibbia”.

Ti potrebbe interessare