Il Papa in Sicilia: “Partiamo dalle sofferenze per una nuova evangelizzazione"

Il Papa a Piazza Armerina
Foto: Vatican Media / ACI Group
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

E’ la prima volta che un Papa visita la diocesi di Piazza Armerina, nella Sicilia centrale, tra le province di Enna e Caltanissetta. Inizia così, con un “evento epocale”, la giornata di Papa Francesco in Sicilia, in occasione del 25° anniversario della morte del Beato Pino Puglisi.

Il vescovo di Roma è già stato in Sicilia, a Lampedusa, e fu quello il suo primo viaggio pastorale. Era l’8 luglio del 2013. Ora Papa Francesco torna, per ricalcare i passi del “primo martire della mafia”.

Inizia da Piazza Armerina, una “periferia esistenziale”, come l’ha definita il vescovo Rosario Gisana, che giace paradossalmente proprio al centro dell’Isola. Francesco arriva tra i fedeli, percorre con la papamobile alcune vie del centro storico e parla in piazza Falcone e Borsellino, che a Piazza Armerina tutti continuano a chiamare piazza Europa. "E' bello il sole della Sicilia", esordisce il Papa!

Il Pontefice è accolto dal Vescovo di Piazza Armerina, Monsignor Rosario Gisana, dal Prefetto di Enna, Maria Antonietta Cerniglia, e dal Sindaco della città, Nino Cammarata.

Papa Francesco, nel suo primo discorso in terra sicula, ricorda al popolo siciliano le “piaghe che lo affligono”: sottosviluppo sociale e culturale; sfruttamento dei lavoratori e mancanza di dignitosa occupazione per i giovani; migrazione di interi nuclei familiari; usura; alcolismo e altre dipendenze; gioco d’azzardo; sfilacciamento dei legami familiari.

Per il Papa “considerare le piaghe della società e della Chiesa non è un’azione denigratoria e pessimistica”. Se vogliamo dare concretezza alla nostra fede, “dobbiamo imparare a riconoscere in queste sofferenze umane le stesse piaghe del Signore”.

“Vi esorto, pertanto, a impegnarvi per la nuova evangelizzazione di questo territorio centro-siculo, a partire proprio dalle sue croci e sofferenze”, tiene a precisare Francesco.

Anche Monsignor Rosario Gisana, Vescovo di Piazza Armerina, nel suo saluto a Papa Francesco, riflette: “Siamo infatti consapevoli che le operazioni dell’egoismo, subdole e malevoli, insidiano il nostro desiderio di incarnare la parola di Gesù; ma siamo altresì certi che la Sua parola, Padre Santo, sarà balsamo sulle nostre ferite, contratte dai variegati fallimenti, e sprone per ricollocarci in quelle orme che la Chiesa custodisce al passaggio del suo Sposo”.

Monsignor Gisana ha regalato a Papa Francesco la copia dell'icona che rappresenta la Madonna delle Vittorie, la protettrice di Piazza Armerina.

Per questo, il Papa consiglia: “Non anteponete nulla al centro essenziale della comunione cristiana, che è la Parola di Dio, ma fatela vostra specialmente mediante la lectio divina, momento mirabile di incontro cuore a cuore con Gesù, di sosta ai piedi del divino Maestro. Parola di Dio e comunione sinodale sono la mano tesa a quanti vivono tra speranze e delusioni e invocano una Chiesa misericordiosa”.

"Leggete tutti i giorni il Vangelo - consiglia a braccio il Papa- tutti i giorni un passo, questo ci farà più discepoli di Gesù, più forti per affrontare i problemi della nostra città e della nostra Chiesa. Chiedo al Vescovo di procurare un Vangelo piccolo per chi lo chiede, la lettura di Dio vi farà forti!".

Il Papa suggerisce in particolar modo ai sacerdoti: “Con semplicità andate per i vicoli, i crocicchi, le piazze e i luoghi di vita feriale, e portate a tutti la buona notizia che è possibile una convivenza giusta, piacevole e amabile, e che la vita non è oscura maledizione da sopportare fatalisticamente, ma fiducia nella bontà di Dio e nella carità dei fratelli”.

Francesco raccomanda ancora: “È importante favorire nelle parrocchie e nelle comunità la carità evangelica, la solidarietà e la sollecitudine fraterna, rifuggendo la tentazione mondana del quieto vivere”. E il Pontefice chiede di sostenere progetti di “centri di ascolto Caritas, mense e rifugi per i fratelli più sfortunati, strutture per ospitare Gesù profugo e spaesato e case d’amore per gli anziani spesso soli e scoraggiati”.

Infine Francesco propone una “Chiesa comunità eucaristica”: “Con Lui – questo è il segreto – si può consacrare a Dio ogni realtà, far sì che il suo Volto si imprima nei volti, il suo amore colmi i vuoti di amore. Per quanto riguarda la partecipazione alla Santa Messa, specialmente a quella domenicale, è importante non essere ossessionati dai numeri: vi esorto a vivere la beatitudine della piccolezza, dell’essere granellino di senape, piccolo gregge, pugno di lievito, fiammella tenace, pietruzza di sale”.

Infine il Papa dona "una ricetta" ai sacerdoti: "Se finisco la giornata stanco, stanchissimo la giornata è andata bene!". 

Alle ore 10.15 circa, il Papa lascia Piazza Armerina e parte in elicottero alla volta di Palermo.

 

Ti potrebbe interessare