Il Papa: "Pedofilia mostruosità assurda contraria a Cristo"

Papa Francesco
Foto: Daniel Ibanez/CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Come può un prete, al servizio di Cristo e della sua Chiesa, arrivare a causare tanto male? Come può aver consacrato la sua vita per condurre i bambini a Dio, e finire invece per divorarli in quello che ho chiamato un sacrificio diabolico, che distrugge sia la vittima sia la vita della Chiesa? Alcune vittime sono arrivate fino al suicidio. Questi morti pesano sul mio cuore, sulla mia coscienza e su quella di tutta la Chiesa. Alle loro famiglie porgo i miei sentimenti di amore e di dolore e, umilmente, chiedo perdono". Lo scrive Papa Francesco nella prefazione del libro "La perdono, padre" di Daniel Pittet, uno svizzero vittima di abusi da parte di esponenti del clero.

La pedofilia da parte di un prete - scrive ancora il Pontefice - è "una mostruosità assoluta", "un orrendo peccato, radicalmente contrario a tutto ciò che Cristo ci insegna". La Chiesa "deve prendersi cura e proteggere con affetto particolare i più deboli e gli indifesi. Abbiamo dichiarato che è nostro dovere far prova di severità estrema con i sacerdoti che tradiscono la loro missione, e con la loro gerarchia, vescovi o cardinali, che li proteggesse, come già è successo in passato".

"Prego per Daniel - conclude Francesco - e per tutti coloro che, come lui, sono stati feriti nella loro innocenza, perché Dio li risollevi e li guarisca, e dia a noi tutti il suo perdono e la sua misericordia".

Ti potrebbe interessare