Il Papa prega per i sequestrati: "Dio tocchi il cuore dei rapitori"

Papa Francesco
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Dopo aver celebrato la Messa per il Giubileo dei Ragazzi Papa Francesco ha recitato sul sagrato della Basilica Vaticana il Regina Coeli.

Francesco ha ringraziato i ragazzi convenuti per questo momento “di fede e di fraterna convivialità. Grazie per la vostra gioiosa e chiassosa testimonianza. Andate avanti con coraggio!”.

Il Papa ha ricordato la beatificazione - ieri a Burgos - del “sacerdote Valentín Palencia Marquina e quattro suoi compagni martiri, uccisi per la loro fede durante la guerra civile spagnola. Lodiamo il Signore per questi suoi coraggiosi testimoni, e per loro intercessione supplichiamolo di liberare il mondo da ogni violenza”.

Il pensiero del Pontefice è poi andato ai “fratelli vescovi, sacerdoti e religiosi, cattolici e ortodossi, sequestrati da molto tempo in Siria”. “Dio Misericordioso - è stata l’accorata supplica di Papa Bergoglio - tocchi il cuore dei rapitori e conceda quanto prima a quei nostri fratelli di essere liberati e poter tornare alle loro comunità. Per questo vi invito tutti a pregare, senza dimenticare le altre persone rapite nel mondo”.

"Ora tornate a casa in piedi e con la testa in alto. Che la vostra carta di identità cristiana vi accompagni", ha concluso il Papa salutando i giovani.

Ti potrebbe interessare