Il Papa: "Un buon prete è quello che si coinvolge"

Papa Francesco
Foto: CTV
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ha presieduto stamane la consueta Messa quotidiana a Santa Marta, dedicando uno speciale pensiero al Cardinale Javier Lozano Barragan in occasione del suo 60/mo anniversario di ordinazione presbiterale.

 

“Dio ha compassione. Ha compassione per ciascuno di noi – ha detto il Papa nell’omelia, secondo quanto ha diffuso la Radio Vaticana – ha compassione dell’umanità e ha mandato suo Figlio per guarirla, per rigenerarla, per rinnovarla”.

 

“Gesù curava la gente – ha aggiunto il Pontefice – però non è un guaritore. Curava la gente come segno, come segno della compassione di Dio, per salvarla, per rimettere al suo posto nel recinto la pecorella smarrita, i soldi smarriti da quella signora nel portafoglio. Dio ha compassione. Dio ci mette il suo cuore di Padre, ci mette il suo cuore per ciascuno di noi. E quando Dio perdona, perdona come Padre e non come un impiegato del tribunale, che legge una sentenza e dice: assolto per insufficienza di prove. Ci perdona da dentro. Perdona perché si è messo nel cuore di questa persona”.

 

Ogni prete – ha concluso Francesco – deve “commuoversi, impegnarsi nella vita della gente, perché un prete è un sacerdote, come Gesù è sacerdote. Quante volte – e poi noi dobbiamo andare a confessarci – critichiamo quei preti, ai quali non interessa ciò che succede nella loro congregazione, che non se ne preoccupano. No, non è un buon prete! Un buon prete è quello che si coinvolge”.

Ti potrebbe interessare