Il primo libro di preghiere in bielorusso ha 500 anni

Pubblicato nel 1522 a Vilnius, “Il Piccolo libro da viaggio” di František Skaryna è riconosciuto come il primo libro di preghiere pubblicato in lingua bielorussa

Una immagine del primo libro di preghiera in lingua bielorussa, "Il Piccolo Libro di Viaggio"
Foto: catholic.by
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il primo libro di preghiere in lingua bielorussa compie 500 anni. Ma fu pubblicato a Vilnius, in Lituania, da un tipografo che ha cominciato il suo lavoro in Repubblica Ceca, František Skaryna. A testimonianza di come la storia di quei popoli e di quelle terre sia profondamente intrecciata.

Così il 2022 è stato proclamato anno dedicato a Skaryna in Lituania, e 20 studenti di Minsk, Polotsk, Vilnius, Varsavia, Padova e Praga hanno partecipato a una solenne Messa di commemorazione che si è tenuta lo scorso 20 gennaio nella chiesa dei Santi Simone e Sant’Elena, la cosiddetta Chiesa Rossa di Minsk, celebrata dal vescovo ausiliare di Minsk Kasabutsky, ma anche dal Cardinale Dominik Duka, arcivescovo di Praga, dal vescovo Michal Janocha, ausiliare di Varsavia, il vescovo Arunas Panyaskaitis, ausiliare di Vilnius.

Nella sua omelia, il vescovo Kasabutsky ha notato che “Francis Skaryna è entrato nella storia del nostro Paese e di altri Paesi a lettere d'oro, e ringraziamo Dio per il dono di quest'uomo, preghiamo per la pace eterna per la sua anima”.

Kasabutsky ha osservato che il primo stampatore bielorusso ha continuato la missione degli apostoli, portando la parola di Dio ai suoi connazionali in una lingua che essi comprendevano e adempiendo così il compito affidato agli apostoli di annunciare il Vangelo nel mondo intero.

Spiega il vescovo ausiliare di Minsk: “Da qualche parte nella sua anima, nel suo cuore, si è acceso anche un raggio di apostolato. Non era un sacerdote, non era un vescovo che è il successore degli apostoli, ma voleva che la Parola di Dio fosse ascoltata da quante più persone possibile, e così nacque il desiderio di pubblicare libri sacri nell'antica lingua bielorussa”.

Skaryna aveva iniziato la sua prima attività a Praga, dove furono pubblicate le prime traduzioni della Bibbia, e poi si trasferì a Vilnius, dove fondò la prima tipografia del Paese. Il Piccolo Libro di Viaggi raccoglieva salmi e testi per varie preghiere.

Skaryna – ha detto Kasabutsky – era “un apostolo del suo tempo, che ha permesso a molte persone di incontrare Dio nelle pagine della scrittura”.

Al termine dell'evento commemorativo nella Chiesa Rossa c'è stata la presentazione del libro di Vladimir Pavlovich "Francesco, caro Skaryna. Al 500° anniversario della pubblicazione della pubblicazione del Piccolo libro di viaggio".

La monografia è stata pubblicata dalla parrocchia di San Simone e Sant'Elena a Minsk e dal suo parroco, il canonico Vladislav Zavalnyuk , che da tempo si preoccupa di preservare la memoria di Skaryna.

Ti potrebbe interessare