Il Sinodo visto dai giovani: "Esperienza di mondialità"

Gioele Anni
Foto: ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi prosegue i suoi lavori e più della metà del cammino è stato percorso. E’ un Sinodo unico nel suo genere quello che si sta svolgendo in Vaticano, dove insieme agli oltre 260 Padri Sinodali, partecipa anche una nutrita delegazione di giovani. E ACI Stampa ha chiesto un primo bilancio ad uno di loro, l’italiano Gioele Anni. 

Questa è una esperienza di mondialità. La prima grande bellezza e la prima grande fatica è stata vedere le tante lingue e i tanti approcci diversi alla realtà nei vari continenti, e dico bellezza e fatica perché si respira l’universalità della Chiesa e si capisce la fatica di trovare mediazioni e proposte pastorali concrete che possano andare bene a un contesto così vario e così ampio.

Dire che i giovani sono Chiesa non è una frase fatta. Per te che significato ha?

Non c’è un dentro o fuori la Chiesa. Ci sono giovani che hanno domande di fede, di senso profondo, qualcuno - come noi che siamo qui - ha avuto il dono di ricevere la fede in famiglia, fin da piccoli, di essere inserito in un percorso, qualcuno è in ricerca non essendo dentro la Chiesa. Noi giovani che siamo nella Chiesa non siamo diversi da altri giovani e questo condividere le domande di fondo penso possa essere un nostro contributo utile ai pastori che si interrogano su come elaborare proposte per la Chiesa di domani. 

Avevi le stesse aspettative che hai adesso quando sei entrato per la prima volta al Sinodo?

Non avevo idea di cosa avrei trovato. Ci ho messo qualche giorno per capire quale realtà fosse il Sinodo. Dopo qualche giorno - e penso valga per gli altri giovani - ci siamo “liberati” e abbiamo iniziato a prendere la parola nei dibattiti in plenaria. La cosa che più mi fa sentire positivo nel giudicare i lavori di questi giorni è la grande saggezza, intelligenza, cultura e conoscenza della realtà che arriva dai dibattiti di questi giorni. 

Ti aspettavi anche un Papa così “diretto”?

Conferma quello che vediamo dalla televisione. Lui non fa certi gesti perché sono mediatici. Li fa perché lui è così. L’altra sera il Papa è arrivato un po’ prima, è salito nella parte alta dell’Aula dove siamo noi giovani per venire a salutarci. Ci ha detto: non ero ancora venuto da voi. Ecco, uno potrebbe dire “che bravo si è fatto la foto”, invece il Papa è venuto per dire due parole con ciascuno dei giovani presenti, questa è anche la sua funzione di Papa: non solo insegnare, ma anche conoscere e incontrare. 

Ti potrebbe interessare