Il vescovo Vitaliy Krivitskiy, la Chiesa in Ucraina durante l'epidemia crea comunità

I giovani riscoprono con le limitazione la necessità della Eucarestia

Il vescovo Vitaliy Krivitskiy della diocesi di rito latino di Kiev-Zhytomyr
Foto: CEP
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

L'epidemia di coronavirus non interrompe il funzionamento della Chiesa cattolica in Ucraina, nonostante i limiti, rimaniamo in contatto, tra l'altro online. Durante la Pasqua, molte parrocchie trasmettono messe e servizi su Internet - afferma il vescovo della diocesi di rito latino di Kiev-Zhytomyr, Vitaliy Krivitskiy.

Il vescovo sottolinea che attualmente in Ucraina ci sono oltre 3.000 persone infette da coronavirus e circa 100 persone sono morte. “Per molti, la quarantena è molto difficile sopravvivere a causa dell'impossibilità di lavorare. Molte persone in Ucraina vivono la busta paga per la busta paga, e al momento sono privati ​​dell'opportunità di guadagnare denaro. A Kiev diamo da mangiare a più di 100 persone ogni giorno, alcune hanno avuto un lavoro prima dell'epidemia e si sono guadagnate da vivere da sole, ora sono lasciate in strada senza mezzi per la vita ”- aggiunge il vescovo Krivitskiy.

Il vescovo informa che a causa delle restrizioni, solo 10 persone, compresi i sacerdoti, possono partecipare alle Sante Messe e ai servizi in Ucraina. “Le chiese sono aperte, ma al di fuori del servizio due persone e un prete possono pregare allo stesso tempo. Alcune persone vengono alla confessione e alla Santa Comunione. Durante la Pasqua le liturgie sono state trasmesse da molte parrocchie, nonostante alcuni problemi tecnici, i fedeli hanno potuto vivere questa volta insieme, formando una comunità spirituale ”- afferma il vescovo di Kiev-Zhytomyr.

Sottolinea inoltre che molti cattolici in Ucraina, in particolare i giovani, hanno scritto sui social media di aver vissuto questa Pasqua - nonostante i suoi limiti - molto profondamente. “Hanno testimoniato il loro desiderio per la Santa Comunione, hanno scritto che prima dell'epidemia non sempre hanno apprezzato la sua importanza. Hanno anche parlato del desiderio di essere presenti in tutta la comunità. Quest'anno, la Conferenza episcopale ucraina ha deciso che non ci sarebbe stato  rito di benedizione per il cibo pasquale. La benedizione è stata celebrata nelle case secondo una formula speciale ”- informa il vescovo Krivitskiy.

Il vescovo Vitaliy Krivitskiy, è un salesiano appartenente all’Ispettoria di Polonia-Cracovia è stato nominato il 30 aprile del 2017 da Papa Francesco nuovo vescovo della diocesi di Kiev-Zhytomyr, Ucraina.

Ti potrebbe interessare