In Germania cattolici e protestanti condividono la Comunione alla “Giornata ecumenica”

Il Congresso della Chiesa ecumenica si è svolto a Francoforte e online nel mezzo di una controversia sull'intercomunione che ha attirato l'attenzione del Vaticano

Giornata della Chiesa Ecumenica
Foto: Giornata della Chiesa Ecumenica
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un evento ecumenico in Germania lo scorso fine settimana è culminato con i leader cattolici e protestanti dell'iniziativa che hanno ricevuto pubblicamente la comunione nelle rispettive chiese.

Bettina Limperg, la copresidente luterana del Congresso della Chiesa ecumenica, ha ricevuto la Santa Comunione in una chiesa cattolica.

Thomas Sternberg, collega co-presidente e capo dell'influente Comitato centrale laico dei cattolici tedeschi (ZdK), ha ricevuto la comunione durante un servizio in una chiesa protestante.

Il Congresso della Chiesa ecumenica si è svolto a Francoforte e online nel mezzo di una controversia sull'intercomunione che ha attirato l'attenzione del Vaticano.

Come riporta CNA Alla vigilia dell'evento del 13-16 maggio, Roma ha espresso la preoccupazione che il congresso possa promuovere una controversa proposta per una "fratellanza del pasto eucaristico" tra cattolici e protestanti.

La proposta è stata avanzata dal Gruppo di studio ecumenico dei teologi protestanti e cattolici (ÖAK) in un documento del 2019 dal titolo "Insieme alla tavola del Signore".

L'ÖAK ha adottato il testo sotto la copresidenza del vescovo Georg Bätzing, ora presidente della conferenza episcopale tedesca, e del vescovo luterano in pensione Martin Hein.

Il documento ÖAK ha sollecitato un intervento della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) in

In una critica di quattro pagine e in una lettera a Bätzing, la congregazione dottrinale ha sottolineato che permangono differenze significative nella comprensione dell'Eucaristia e del ministero tra protestanti e cattolici.

"Le differenze dottrinali sono ancora così importanti che attualmente escludono la partecipazione reciproca alla Cena del Signore e all'Eucaristia", ha detto.

"Il documento non può, quindi, servire da guida per una decisione individuale di coscienza sull'approccio all'Eucaristia".

La CDF ha messo in guardia contro qualsiasi passo verso l'intercomunione tra cattolici e membri della Chiesa evangelica in Germania (EKD), un'organizzazione che rappresenta 20 gruppi protestanti.

A seguito dell'intervento vaticano, Bätzing ha ripetutamente escluso l'intercomunione generale, pur affermando di rispettare la “decisione personale di coscienza” dei singoli protestanti di ricevere la Comunione nelle chiese cattoliche.

Bätzing ha scritto una lettera al clero nella sua diocesi di Limburg in marzo, consigliandoli di dare la Santa Comunione a persone non cattoliche solo se lo richiedevano dopo aver esaminato le loro coscienze.

Nella lettera di quattro pagine emessa alla luce del Congresso della Chiesa ecumenica, ha detto ai sacerdoti che non poteva esserci "una ricezione generale e interconfessionale dell'Eucaristia" o "nuove forme di celebrazione eucaristica".

Scrive: "Il presupposto per una degna ricezione dei doni eucaristici, sia per i cattolici che per i non cattolici, è l'esame di coscienza".

"Come pastori, rispettiamo la decisione di coscienza quando qualcuno riceve la Santa Comunione dopo un serio esame e in conformità con la fede cattolica".

Il 15 maggio, il Congresso della Chiesa ecumenica ha incoraggiato i partecipanti a partecipare ai servizi nelle rispettive chiese.

Alla vigilia dell'evento, Bätzing ha insistito sul fatto che le funzioni religiose sarebbero state "ecumenicamente sensibili".

Incontri e celebrazioni liturgiche si sono svolti in più di 100 località a Francoforte.

CNA Deutsch, partner giornalistico in lingua tedesca della CNA, ha riferito che padre Johannes zu Eltz, decano cattolico della città, ha offerto delle scuse ai protestanti all'inizio della messa nella cattedrale di Francoforte.

Ha chiesto perdono per le volte in cui avevano incontrato arroganza e insistenza sui confini da parte cattolica."Chiedo perdono per questo e vi ringrazio per la vostra pazienza", ha detto.

In interviste video durante il Congresso della Chiesa ecumenica, Bätzing e Sternberg hanno discusso del controverso "Cammino sinodale" della Chiesa cattolica tedesca.

Il processo di due anni, che dovrebbe concludersi questo autunno, riunisce vescovi e laici per discutere quattro temi principali: il modo in cui il potere viene esercitato nella Chiesa; moralità sessuale; il sacerdozio; e il ruolo delle donne.

I vescovi tedeschi inizialmente hanno detto che il processo si sarebbe concluso con una serie di voti "vincolanti", sollevando preoccupazioni in Vaticano sul fatto che le risoluzioni potessero mettere in discussione l'insegnamento e la disciplina della Chiesa.

Bätzing ha insistito: "Se arriviamo a delle decisioni, e lo faremo, allora si svilupperà una dinamica che porta anche ai risultati".

Alla domanda sul suo commento secondo cui un giorno di benedizione delle coppie dello stesso sesso in Germania in segno di protesta in Vaticano non era un "segno utile", il vescovo ha chiarito di essere contrario alla natura polemica dell'evento.

"Volevo reagire contro questo, non contro i nostri passi in questa direzione", ha detto.

Bätzing ha aggiunto di aver compreso il desiderio delle coppie dello stesso sesso di ricevere una benedizione in una chiesa.

Ha detto che ciò che considerava importante era "che diamo collaborazioni che vivono in fedeltà e fiducia l'una con l'altra, che plasmano questa vita sulla base della loro fede cristiana e quindi danno una testimonianza di fede, la benedizione di Dio".

Ha detto di essere rimasto sorpreso dal "no" del Vaticano alle benedizioni dello stesso sesso. La CDF ha emesso il suo pronunciamento il 15 marzo in un documento nota come "Responsum ad dubium" (risposta a una domanda).

In risposta alla domanda, "la Chiesa ha il potere di impartire la benedizione alle unioni di persone dello stesso sesso?" la CDF ha risposto "Negativo". La congregazione ha illustrato il suo ragionamento in una nota esplicativa e nel commento di accompagnamento.

Bätzing ha detto di aver appreso del Responsum pochi minuti prima che fosse pubblicato e credeva che fosse diretto alla Germania.

Ha detto che l'intervento del Vaticano non è stato "utile" in quanto la pratica pastorale era andata oltre l'insegnamento della Chiesa e quindi l'insegnamento doveva essere "sviluppato" ulteriormente.

Sternberg ha detto che i temi del “Cammino sinodale” erano rilevanti per la Chiesa universale, il che è evidente dal fatto che Austria, Irlanda, Australia, Francia e Italia stavano avviando processi simili.

Secondo Sternberg, la "Via" diventerà una "rete di modi".

Ha anche fatto riferimento alla questione dell'ordinazione delle donne sacerdote. Ha sostenuto che con la sua lettera apostolica Ordinatio sacerdotalis del 1994, Papa Giovanni Paolo II ha cercato di "soffocare questa domanda".

"La questione non è stata sollevata nella Chiesa, e ora sta scoppiando con tutte le sue forze", ha commentato.

Ti potrebbe interessare