La Biblioteca e l’Archivio Apostolici riaprono agli studiosi

Dal 1 giugno la Biblioteca e l’Archivio Apostolici riaprono agli studiosi

Biblioteca Apostolica Vaticana
Foto: wikipedia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Biblioteca e l’Archivio Apostolici riaprono agli studiosi da oggi 1 giugno. Il Cardinale José Tolentino de Mendonça, Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, in un articolo pubblicato dall'Osservatore Romano spiega nel dettaglio le modalità della riapertura.

"Quando, a fine febbraio, si è tenuta la giornata di studio sull’apertura agli studiosi dei documenti del pontificato di Pio XII raccolti negli archivi della Santa Sede, nessuno di noi prevedeva che questo passo, di importanza storica e di grande impatto pubblico, sarebbe stato repentinamente sospeso da una crisi senza precedenti come quella della pandemia del coronavirus - scrive il Cardinale nell'articolo - l'emergenza sanitaria ci ha costretti prima a chiudere agli studiosi sia la Biblioteca che l’Archivio Apostolici, collocando la maggioranza del nostro personale in regime di telelavoro, e ci costringe ora a una riapertura graduale e limitata, come esigono le buone pratiche per la odierna ripartenza".

Le ammissioni si faranno solo su prenotazione on-line e con un regolamento specifico di norme di sicurezza sanitaria.

"Ci siamo ritrovati tutti più fragili, più poveri, più indifesi, in una inedita condizione che richiede un supplemento di umiltà, il riconoscimento che tante delle nostre certezze sono un valore prezioso ma anche vulnerabile, che l’esercizio del nostro sapere e del nostro potere sono un susseguirsi di riaperture e di ripartenze", ha detto ancora il Cardinale José Tolentino de Mendonça.

Ti potrebbe interessare