La Diocesi di Roma: la II Prefettura, ancora tra le strade della vecchia Roma

Il viaggio di ACI Stampa alla scoperta delle 36 prefetture della Diocesi di Roma

La parrocchia di Sant'Agostino in Campo Marzio
Foto: MM ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il viaggio tra le diverse prefetture della Diocesi di Roma prosegue alla scoperta della II. Anche questa - come la I - comprende il settore Centro e attraversa le zone storiche della Capitale. 8 le parrocchie che la compongono.

A due passi da Piazza Navona si erge la parrocchia di Sant'Agostino in Campo Marzio, elevata al rango di Basilica minore. Affidata alla cura pastorale degli Agostiniani, è stata costruita tra il 1420 e il 1483. Ospita capolavori di Raffaello e del Caravaggio. Titolo presbiterale, dal 2006 ne è titolare il Cardinale francese Jean Pierre Ricard.

Vicino via Arenula, invece, sorge la parrocchia dei Santi Biagio e Carlo ai Catinari. La chiesa, costruita tra il 1600 ed il 1700, è affidata ai Padri Barnabiti. Per volere di Papa Francesco è stata elevata a titolo episcopale, assegnato al Cardinale Leonardo Sandri, Vice-decano del Collegio Cardinalizio.

All'inizio - o alla fine - di Via Giulia ecco la parrocchia di San Giovanni Battista dei Fiorentini. Basilica minore, i lavori iniziarono nel XVI secolo e furono ultimati soltanto nel XVIII. Rettore della chiesa fu anche San Filippo Neri e all'interno sono sepolti gli architetti Carlo Maderno e Francesco Borromini. Affidata al clero diocesano, il titolo presbiterale è assegnato al Cardinale Giuseppe Petrocchi.

In Piazza della Cancelleria sorge la parrocchia - anch'essa Basilica minore - di San Lorenzo in Damaso. Eretta già dai primi secoli del cristianesimo, Donato Bramante la modificò in maniera netta fino all'aspetto contemporaneo. Affidata al clero diocesano, è titolo presbiterale assegnato al Cardinale Antonio Maria Rouco Varela.

La barocca Santa Maria in Portico Campitelli è un'altra parrocchia che compone la II Prefettura. Eretta nel XVII secolo, la chiesa è affidata ai Chierici Regolari della Madre di Dio. Attualmente è una diaconia che ha come titolare il Cardinale Michael Louis Fitzgerald.

La parrocchia di Santa Maria in Vallicella - altrimenti detta la Chiesa Nuova - sorge al confine tra il Rione Parione e il Rione Ponte. Finita di costruire nel 1614, è affidata agli Oratoriani, congregazione fondata da San Filippo Neri che proprio nella vecchia chiesa diede i natali al suo ordine. Titolo presbiterale, è assegnato al Cardinale spagnolo Ricardo Blazquez Perez.

Nei pressi di via dei Coronari ecco invece la parrocchia di San Salvatore in Lauro. I lavori di costruzione ebbero inizio nel XVI secolo. Chiesa di riferimento per i marchigiani residenti a Roma, è affidata al clero diocesano. Ne è titolare il Cardinale Angelo Comastri.

Infine a completare la II Prefettura vi è la parrocchia della Santissima Trinità dei Pellegrini, a pochi passi da Piazza Farnese. Eretta nel XVI secolo, è oggi affidata alla Fraternità Sacerdotale San Pietro: qui si celebra la Messa secondo la forma extraordinaria del Rito Romano.

Ti potrebbe interessare