La Polonia in festa per l'indipendenza sotto la protezione di Maria Regina di Polonia

Il Cardinale Grocholewski presiede la Messa nella chiesa di San Stanislao
Foto: ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La Polonia oggi è in festa. La Nazione di San Giovanni Paolo II ha celebrato infatti il centenario della riconquistata indipendenza. Ma quella odierna non è solo una festa statale, bensì anche religiosa: si celebra anche la festa di Maria Regina della Polonia.

La comunità polacca a Roma si è riunita nella Chiesa di San Stanislao per una Messa organizzata dall’Ambasciata di Polonia presso la Santa Sede e officiata dal Cardinale Zenon Grocholewski, Prefetto emerito della Congregazione per l’Educazione Cattolica

“Questa è una festa statale: celebriamo il ricordo della prima costituzione polacca - ha detto il Cardinale Grocholewski ad ACI Stampa - la prima in Europa. Appena entrata in vigore, purtroppo, la Polonia è stata spartita da Prussia, Russia ed Austria. La Polonia ha perso così la sua indipendenza per oltre 120 anni. Quando abbiamo riconquistato l’indipendenza si è istituita la festa del 3 maggio: per noi era un simbolo della lotta per il bene, la libertà, la democrazia e la prosperità. Durante il comunismo era proibito festeggiare il 3 maggio. Dopo il comunismo siamo tornati a celebrare questa festa. C’è poi un secondo aspetto. E’ una festa religiosa: quella di Maria Regina della Polonia. Questo titolo risale al 1565. Dopo la conquista dell’indipendenza all’indomani della Grande Guerra queste due feste si sono unite e vengono celebrate insieme. Abbiamo sempre lottato per questa festa”.

“Siamo sempre stati legati - ha aggiunto il porporato polacco - alla Santa Sede. Il governo comunista discriminava la Santa Sede, nella nostra storia la Santa Sede ci ha sempre difesi, anche quando non eravamo indipendenti. Paolo VI voleva venire in Polonia e il governo comunista non lo permise”. 

“Io - ha concluso il Cardinale Grocholewski - auspico oggi una vera indipendenza. Nel passato la mancanza di indipendenza era una occupazione, una spartizione, un regime… L’indipendenza oggi è minacciata in altre forme subdole. Altre forze straniere vogliono imporre come dobbiamo pensare, quali valori dobbiamo avere, cosa dobbiamo insegnare: questa è violenza dell’indipendenza. Abbiamo certi valori e vogliamo difenderli”. 

In Polonia la festa di Maria Regina di Polonia è stata celebrata nel Santuario di Jasna Gora con la Messa presieduta dall’Arcivescovo di Poznan Stanislaw Gadecki, presidente della Conferenza episcopale polacca.

La Messa in onore di Maria Regina della Polonia si inserisce in una serie di celebrazioni per commemorare il centenario della riconquistata indipendenza della Polonia, che quest'anno ha avuto inizio con le celebrazioni in onore di Sant'Adalberto, il principale Patrono della Polonia. Seguirà la ricorrenza di San Stanislao, Copatrono della Polonia, che cade il 13 maggio. Inoltre, nel Tempio della Divina Provvidenza a Varsavia, la celebrazione della Festa del Ringraziamento si terrà il 3 giugno .

Ti potrebbe interessare