La spiritualità e l'anima russa raccontata in Vaticano dai capolavori della pittura

L'allestimento della mostra
Foto: AA
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La spiritualità russa arriva in Vaticano grazie ad un “pellegrinaggio” d’arte I Musei Vaticani, la Galleria Nazionale Tretyakov e il Ministero della Cultura della Federazione Russa hanno lavorato insieme per organizzare Pilgrimage of Russsian art. From Dionysius to Malevich.

Sarà il Braccio Carlo Magno fino a febbraio ad ospitare questa strada che porta senza cronologia ma con lo spirito dell’anima, il visitatore attraverso il mondo russo.

Le icone antiche si alternano ai quadri dell'800 che dopo la grande stasi dell'arte legata solo allo sviluppo del sacro, inizia un nuovo percorso che cerca di raggiugere le nuove realtà dell'Europa Occidentale.

Ad accompagnare la mostra un indispensabile catalogo che introduce alla realtà dell'arte di un paese così complesso e ricco di sfumature. La cultura russa di fine '800 è caratterizzato da un profondo divario tra scienza e filosofia, si creava una tensione tra postivismo e metafisica. 

Nel 2016 la Galleria Tretyakov  di Mosca che opsita la più grande collezione di belle arti russe al mondo, ha ospitato la mostra Roma Aeterna. I capolavori della Pinacoteca Vaticana. Bellini, Raffaello, Caravaggio,  42 opere d’arte della Pinacoteca Vaticana, e oggi sono 54 capolavori della galleria ad arrivare in Vaticano. Molti mai usciti prima dalle sedi dove vengono custoditi abitualmente.

La mostra, curata da Arkadi Ippolitov, Tatyana Udenkova e Tatyana Samoilova, vuole presentare il messaggio culturale e spirituale dell’arte russa nel cuore del mondo cristiano occidentale. I capolavori sono inseriti all’interno di un percorso espositivo ideato in maniera tale da seguire la maestosa architettura del Bernini rispecchiandone la solennità all’interno del quale icone antichissime e dipinti realisti del XIX secolo dialogano tra loro in base ad analogie inattese, ma evidenti.

"La Russia non si intende con il senno, nè la misura col comune metro: la Russia è fatta a modo suo, in essa si può credere soltanto" come scriveva il poeta Fëdor Ivanovič Tjutčev. La poesia si legge nel catalogo nel saggio che parla dell'arte delle icone e della collezione della Galleria Tretyakov con il passaggio all'arte sacra moderna. 

 

Le opere raccontano come la storia dell’arte russa, in tutte le sue epoche, sia stata sempre segnata dai medesimi codici culturali e spirituali. Così "L'apparizione di Cristo al popolo" di Alexander Ivanov si trova accanto alle icone "Battesimo" e "Trasfigurazione" entrando in relazione con la "Trinità" di Paisius, che è appesa di fronte. Il "Dolore inconsolabile" di Ivan Kramsky è opposto all'icona "Non mi singhiozzare, Madre" e il suo "Cristo nel deserto" si trova accanto a "Cristo nella segreta", una scultura in legno del XVIII secolo di Perm. "La vita è ovunque" di Nikolay Yaroshenko è adiacente a "Madonna di Kykkos" di Simon Ushakov, riecheggiando il formato e il colore dell'icona e, in un certo senso, la sua composizione ritmica.

L'icona di Solvychegodsk "La visione di Eulogio" è collocata di fronte al dipinto "Oltre l'eterna pace" di Isaac Levitan e al "Giudizio universale" del XVI secolo - accanto al "Quadrato nero" di Kazimir Malevich. La mostra finisce con "Cristo portacroce" di Mikhail Nesterov e l'icona del XVI secolo "Ti rallegra", che incarna lo spirito del conciliarismo russo, l'unità spirituale di tutto il popolo nella chiesa e nella vita mondana.

Tra gli altri "dipinti principali" dell'arte russa che lasciano le mura della Galleria Tretyakov e si recano ai Musei Vaticani "Non aspettato", "Processione religiosa nella provincia di Kursk" e "Prima della confessione" di Ilya Repin, "Troika.Gli alunni-artigiani stanno portando acqua " e "Annegata " di Vasily Perov," "Che cos'è la verità? Cristo e Pilato "e"Calvario "di Nikolay Ge, "Il Demone (seduto)" di Mikhail Vrubel, "Trinità" di Natalia Goncharova, "Mosca. Piazza Rossa" di Vasily Kandinsky, " Bagnatura del cavallo rosso " e "1918 in Pietrogrado " di Kuzma Petrov-Vodkin. Uno solo il ritratto presente. Si tratta della celebre opera di Vasily Perov "Ritratto di F. M. Dostoevskij, forse l'immagine più suggestiva della mostra per il visitatore occidentale.

L'accesso è gratuito, pe altre informazioni basta il sito dei Musei Vaticani.

 

 

Ti potrebbe interessare