L’aborto è uguale all’omicidio: lo diceva Sisto V, e i cattolici di Russia lo ribadiscono

Per i cento anni della legge dell’aborto in Russia, il mondo cattolico si è mobilitato per dimostrare che l’aborto è pari ad un omicidio. E hanno rispolverato una bolla di Sisto V

La cattedrale cattolica dell'Immacolata Concezione a Mosca
Foto: Wikimedia Commons
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il prossimo 18 dicembre sarà il centesimo anniversario della legalizzazione dell’aborto in Russia, e il mondo cattolico si sta già mobilitando per promuovere la cultura della vita, con una serie di articoli su RusCatholic, un portale gestito da religiosi. E la loro ricerca li ha portati indietro nel tempo, fino a Sisto V, il Papa che condannò, nella bolla Effraenatam, l’aborto come un omicidio. Era il 1588.

Nella Bolla, Sisto V decideva che chiunque fosse coinvolto in un aborto era da considerarsi scomunicato, e chiedeva alle autorità civili di punire chiunque abortisse segretamente.

Non solo. Papa Sisto V definiva gli attacchi alla persone non nate come “crimini brutali, crudeli, feroci e inumani”. Sottolineava: “Chi non condannerà a una punizione grave l’empietà di colui che ha privato i bambini della vita prima che potessero naturalmente vedere la luce o potessero essere protetti dal corpo materno da una crudeltà feroce?”

E ancora: “Chi non aborrirà la crudeltà e la dissolutezza sfrenata dell’empio che sarà arrivato in tale stato di pensiero di procurare veleni in modo da estinguere il feto concepito nelle viscere, e portarlo fuori, cercando di provocare con un crimine osceno una morte violenta e inopportuna e uccidere la propria progenie?”

Infine, “chi non condannerà ad un pena gravissima i crimini di quanti con veleni, pozioni e azioni malvage sterilizzano le donne o impediscono che concepiscano o diano alla luce attraverso perniciose medicine e droghe?

I cattolici russi mostrano così che il problema dell’aborto non è entrato nella società solo cento anni fa, ma era preesistente. Legalizzando l’aborto il 18 dicembre 1920, la Russia si è messa in testa alla classifica degli Stati europei che hanno permesso l’aborto.

La storia della legalizzazione dell'aborto iniziò nel 1913 al XII Congresso della Società dei Medici Russi in memoria di N.I. Pirogov. I partecipanti al Congresso si espressero a favore dell’abolizione del divieto di interruzione artificiale di gravidanza, avendo stabilito nella Risoluzione del Congresso che il procedimento penale contro una madre per un aborto artificiale non dovrebbe mai avvenire e i medici che lo praticano su sua richiesta e insistenza dovrebbero essere esentati dalla responsabilità penale, ad eccezione dei medici che hanno abortito per scopi egoistici con la loro professione.

Il 18 novembre 1920, il Commissariato popolare per la salute e il Commissariato popolare per la giustizia emanarono un decreto congiunto "sull'interruzione artificiale della gravidanza", che consentiva operazioni gratuite per interrompere artificialmente la gravidanza in un ospedale sovietico, dove era garantita la massima innocuità. Questa misura, prima di tutto, era diretta contro gli aborti clandestini.

La Russia è diventata il primo paese al mondo a legalizzare l'aborto su richiesta di una donna. Una regolamentazione simile nei paesi occidentali è apparsa quasi 40-50 anni dopo: nel 1956 - in Bulgaria, Ungheria, Romania, Polonia; nel 1957 - in Cecoslovacchia e Jugoslavia; nel 1967 - in Gran Bretagna; 1973 - USA; 1975 - in Francia e Austria; nel 1976 - in Germania; nel 2007 - in Portogallo. In Italia, nel 1978 fu adottata la legge 194, che non legalizzava l’aborto, ma piuttosto ampliava i motivi per l'interruzione artificiale della gravidanza: prima di allora, l'aborto era consentito solo in caso di minaccia alla vita di una donna. Attualmente, secondo la Divisione Popolazione delle Nazioni Unite, l'aborto su richiesta di una donna è legalmente consentito in 55 dei 194 paesi del mondo.

Nonostante l'aborto fosse legalizzato in Russia nel 1920, già nel 1924 furono istituite presso le autorità sanitarie delle “commissioni per l'aborto”, che rilasciavano permessi per l'aborto gratuito, sulla base del principio di classe. Prima di tutto, tale permesso poteva essere ottenuto da donne single disoccupate; poi lavorare madri single con un figlio; madri con molti bambini; impiegato nella produzione; mogli operaie con molti figli; e solo allora tutte le altre donne assicurate e altri cittadini. Per le donne che non hanno ricevuto il permesso, un aborto potrebbe essere eseguito a pagamento.

Ti potrebbe interessare