Ladaria incontra i vescovi del Triveneto, santità e salvezza sono gioia e partecipazione

Il cardinale Ladaria e i vescovi del Triveneto
Foto: Patrircato di Venezia
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

 Un incontro dedicato all’esortazione apostolica di Papa Francesco "Gaudete et exsultate" sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo e sulla lettera della Congregazione per la Dottrina della Fede "Placuit Deo" sull'unicità della mediazione e della salvezza di Cristo.

I Vescovi della Conferenza Episcopale Triveneto hanno dialogato nella sede di Zelarin a Venezia con il cardinale Luis Francisco Ladaria Ferrer, da poco più di un anno Prefetto della Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede nonché presidente della Pontificia commissione "Ecclesia Dei", della Pontificia commissione biblica e della Commissione teologica internazionale.  

"La santità - ha affermato il card. Ladaria nell'illustrare ai Vescovi il documento del Santo Padre - è una realtà della Chiesa, non riservata a coloro che sono canonizzati e troviamo sull'altare. Papa Francesco ci riconduce qui alla santità anonima, della porta accanto, a quella classe media della santità che non è una classe inferiore, a quei santi che non entreranno nei libri di storia ma che sono pienamente santi. La santità non ci toglie vita o gioia, ci dà la vita e la gioia vera. Non bisogna aver paura di puntare in alto, di lasciarsi amare da Dio e di farsi guidare dallo Spirito. Una Chiesa di élite non è la Chiesa di Cristo; la santità è per tutti, è l'unico volto di Dio che si riflette in molti. Sì, ognuno di noi è un riflesso del volto di Dio". 

 "La salvezza cristiana - ha detto poi il Prefetto in riferimento al secondo documento - passa attraverso l'umanità di Cristo e prende in considerazione tutto l'essere integrale dell'uomo, perché l'immagine e la somiglianza di Dio toccano anche la dimensione corporea/carnale dell'uomo. La vita di Cristo risorto è comunione piena con Dio e con i fratelli e la salvezza è incorporarsi in questa sua vita. La salvezza è per tutto l'uomo ed è tutt'altro che individualismo, è relazione e partecipazione. E la Chiesa è la comunità di coloro che sono incorporati in questo nuovo ordine di relazioni e partecipano all'eterno scambio di amore che vi è nella Trinità, tra Padre, Figlio e Spirito Santo".

 Nel corso del pomeriggio si è poi svolta la riunione periodica della Conferenza Episcopale Triveneto durante la quale, tra l'altro, i Vescovi hanno fissato il tema per la due giorni di approfondimento che si terrà il 7 e 8 gennaio prossimi a Cavallino (Venezia)"Chiesa e comunicazione: come comunicare nella società di oggi".

 

Ti potrebbe interessare