Advertisement

L'amicizia spirituale del Beato Carlo Acutis e di Padre Pio

Ecco la profonda amicizia spirituale che unisce Carlo a San Pio da Pietrelcina
 | Pubblico Dominio e Amici di Carlo Acutis | Pubblico Dominio e Amici di Carlo Acutis

Antonia Salzano, madre del Beato Carlo Acutis, e José María Zavala, regista del film "Il cielo non può aspettare" sulla vita dell'adolescente italiano, hanno parlato della profonda amicizia spirituale che unisce Carlo a San Pio da Pietrelcina.

Carlo Acutis (1991-2006) è stato un adolescente italiano morto all'età di 15 anni di leucemia fulminante. Aiutò i poveri, promosse i miracoli eucaristici e offrì la sua sofferenza per il Papa, la Chiesa e la conversione dei peccatori.

Nel film "Il cielo non può aspettare", Antonia Salzano ricorda un episodio poco conosciuto della sua esperienza personale con Padre Pio. ACI Prensa lo racconta in un articolo.

Una notte vide chiaramente Padre Pio nei suoi sogni, dicendo: "Alzati, tuo figlio sta male". Andò a trovare Carlo nella sua stanza e scoprì che era davvero malato e aveva la febbre.

D'altra parte, in un video pubblicato nel 2021, Antonia ricorda che suo padre era amico della donna che ha ricevuto il miracolo che ha permesso la canonizzazione di Padre Pio nel 2002.

Advertisement

La madre sottolinea anche che Carlo Acutis era molto devoto all'Eucaristia grazie alla devozione che vedeva in Padre Pio, e che qualcosa di simile accadde con l'angelo custode e le anime del purgatorio.

"Come Padre Pio, anche Carlo era molto devoto al suo angelo custode. Diceva di chiamarsi Gabriele e, come Padre Pio, dialogava continuamente con il suo angelo custode", racconta Antonia.
Antonia Salzano sottolinea anche la devozione del Beato Carlo Acutis e di Padre Pio all'Arcangelo Michele, a San Francesco d'Assisi e alla Madonna di Fatima.

In un video pubblicato il 19 febbraio 2023, José María Zavala nota il legame di Carlo Acutis e Padre Pio con l'Arcangelo San Michele, in particolare nel luogo noto come Monte Sant'Angelo, vicino a San Giovanni Rotondo, dove visse il santo cappuccino. In quel luogo, Padre Pio inviò coloro che erano stati colpiti dal demonio affinché, nella grotta dove apparve l'arcangelo, fossero liberati per sua intercessione.
Zavala racconta anche che una zia di Antonia Salzano era la figlia spirituale di Padre Pio, e gli disse che era nata sua nipote e gli chiese di pregare per lei.

"E Padre Pio ha detto 'la benedico, la benedico', e anzi l'ha benedetta a distanza, e quella benedizione ha avuto effetto, perché, per intercessione di Carlo Acutis, di suo figlio, Antonia Salzano ha avuto una conversione, e non solo lei, ma suo marito e i suoi fratelli, tutta la famiglia", ha condiviso Zavala.

José María Zavala ha poi sottolineato una coincidenza di date. Il beato ha fatto la Prima Comunione il 16 giugno 1998 e il 16 giugno 2002 Padre Pio è stato canonizzato da Papa Giovanni Paolo II.
Inoltre, il 24 maggio 2003 Carlo Acutis ha fatto la Cresima, un giorno prima del compleanno di Padre Pio, che è il 25 maggio.