Legge Zan, Comunità Giovanni XXIII: controproducente ai fini dell'integrazione

Il testo introduce il reato di omotransfobia. Approvato dalla Camera ora sarà al vaglio del Senato

La Camera dei Deputati
Foto: Camera dei Deputati
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Nelle nostre case accogliamo, oggi come in passato, persone omosessuali e transessuali, favorendo la loro integrazione attraverso il dialogo e l'incontro delle diversità. L'orientamento sessuale non è motivo di discriminazione per noi. Al contrario riteniamo controproducente ai fini della stessa integrazione una legge che, basandosi sulla difesa delle persone con orientamento omosessuale, attacca la libertà di espressione e di educazione”.

Lo ha dichiarato Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII, in merito all'approvazione in prima lettura alla Camera dei Deputati del Disegno di Legge Zan che introduce il reato di omotransfobia. Il testo – per diventare legge della Repubblica – dovrà essere approvato anche dal Senato.

Ti potrebbe interessare