Lo stop dell’arcivescovo Cordileone alla comunione per Nancy Pelosi

L’arcivescovo di San Francisco ha annunciato che la presidente della Camera Usa, cattolica, non dovrebbe essere ammessa alla Comunione per la sua posizione di appoggio alla libertà di scelta sull’aborto

A sinistra, l'arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone. A destra, la speaker della Camera Nancy Pelosi
Foto: Dennis Callahan, Archdiocese of San Francisco/Public domain. / Dennis Callahan, Archdiocese of San Francisco/Public domain
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

No alla comunione, almeno finché non ripudierà pubblicamente il suo sostegno all’aborto. Il 20 maggio, l’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone ha annunciato che alla presidente della Camera USA Nancy Pelosi dovrebbe essere negato l’accesso alla comunione, almeno fin quando avesse continuato a sostenere l’aborto.

Si tratta – ha spiegato l’arcivescovo di San Francisco - di un passo “puramente pastorale, non politico”, resosi necessario a seguito di dichiarazioni pubbliche della Pelosi in cui si era definita “una cattolica devota”. L’arcivescovo ha anche detto di averla contattata ripetutamente per discutere del suo sostegno all’aborto, ma senza successo.

Pelosi è membro dell’arcidiocesi di San Francisco, e rappresenta il distretto di San Francisco al Congresso. Da qui, dunque, la preoccupazione pastorale dell’arcivescovo. Nel 2008, parlando con C-SPAN, Pelosi aveva detto che la negazione della Comunione sarebbe stata "un duro colpo", descrivendosi all'epoca come una "normale comunicante".

Le istruzioni di Cordileone si applicano solo all'interno dell'arcidiocesi di San Francisco. Sarà da vedere se il vescovo di Washington DC, dove risiede abitualmente Pelosi, prenderà decisioni simili.

L’arcivescovo Cordileone ha spiegato la sua decisione in due lettera, una ai laici della arcidiocesi e una ai sacerdoti.

Nella lettera ai laici, ha detto di aver preso la decisione a norma del canone 915 del Codice di Diritto Canonico, in cui si afferma che “non siano ammessi alla Santa Comunione coloro che … ostinatamente perseverano in un peccato grave manifesto. "

“Dopo numerosi tentativi di parlare con lei per aiutarla a capire il grave male che sta perpetrando, lo scandalo che sta causando e il pericolo per la sua stessa anima che sta rischiando, ho stabilito che è giunto il punto in cui devo fare un dichiarazione pubblica che non deve essere ammessa alla Santa Comunione a meno che e fino a quando non ripudi pubblicamente il suo sostegno ai ‘diritti’ dell'aborto e confessa e riceve l'assoluzione per la sua cooperazione a questo male nel sacramento della Penitenza", ha scritto Cordileone nella lettera.

In una lettera separata ai sacerdoti dell'arcidiocesi di San Francisco, anch'essa rilasciata venerdì, l’arcivescovo Cordileone ha voluto prevenire le critiche di utilizzare l’Eucarestia come arma politica, nottando che la sua decisione era pastorale, e applicava semplicemente l’insegnamento della Chiesa.

Anche con i suoi sacerdoti, l’arcivescovo Cordileone ha dettagliato i suoi ripetuti tentativi di incontrare Pelosi da quando ha annunciato nel settembre 2021 che avrebbe cercato di codificare Roe. v. Wade nel diritto degli Stati Uniti.

Cordileone ha anche sottolineato di aver avvisato Pelosi che sarebbe stato costretto a prendere questo provvedimento, in caso non avesse ritrattato le sue posizioni.

L’ultimo tentativo di contatto è arrivato a seguito delle dichiarazioni pro-choice di Pelosi giunte a seguito della fuga di notizie riguardo una bozza di parere legale che suggeriva come la Corte Suprema potesse ribaltare la Roe vs. Wade, la sentenza che ha introdotto l’aborto negli Stati Uniti.

“In conseguenza di tutto questo e di tutto ciò che ha portato ad esso”, ha detto Cordileone ai sacerdoti, “è mio deciso giudizio che questa resistenza al consiglio pastorale è andata avanti per troppo tempo, e non c'è più niente da fare a questo punto per aiutare l'oratore a capire la gravità del male che la sua difesa dell'aborto sta perpetrando e lo scandalo che sta causando.

Cordileone e Pelosi si sono scontrati ripetutamente sull'aborto da quando Benedetto XVI ha nominato Cordileone alla guida dell'arcidiocesi di San Francisco nel 2012.

Le tensioni sono aumentate in particolare nel 2021 quando la spinta a ribaltare la decisione Roe contro Wade del 1973 ha raggiunto la Corte Suprema e i vescovi statunitensi si sono impegnati in un'accesa discussione sull'opportunità di negare la Comunione ai politici pro-aborto.

Nel maggio 2021, la Pelosi si è detta “contenta” di una lettera vaticana ai vescovi statunitensi che affrontava il dibattito. Ha affermato che il Vaticano aveva incaricato i vescovi di non essere "divisivi" sulla questione.

In risposta, Cordileone ha affermato che il Vaticano stava infatti promuovendo il "dialogo" tra vescovi e politici pro-aborto, "per aiutarli a capire il grave male che stanno aiutando a perpetrare e accompagnarli a un cambiamento di cuore".

Nel luglio 2021, Cordileone ha criticato aspramente Pelosi dopo aver citato la sua fede cattolica mentre difendeva gli sforzi per consentire il finanziamento federale degli aborti elettivi.

L'arcivescovo ha lanciato nel settembre 2021 una campagna di preghiera volta a ispirare "una conversione del cuore" tra i politici che sostengono l'aborto, "a cominciare dalla leader della Camera, la presidente Nancy Pelosi".

Cordileone ha esortato i cattolici a iscriversi alla campagna "Rosa e Rosario per Nancy", che ha consegnato migliaia di rose all'oratore come simbolo di preghiera e digiuno per l'82enne madre di cinque figli.

Nell'ottobre 2021 Pelosi ha incontrato papa Francesco in Vaticano. Cordileone, da parte sua, ha commentato che “i Papi si incontrano con tutti”, e che questo incontro non rappresentava una approvazione papale delle opinioni di Pelosi.

Nella sua lettera ai sacerdoti, Cordileone ha riconosciuto che la sua decisione potrebbe portare a un aumento degli attacchi alle chiese cattoliche.

“Le nostre chiese – ha scritto - sono già oggetto di violenze e i nostri servizi di culto vengono interrotti, il che mi ha motivato a inviarti la nota la scorsa settimana chiedendoti di essere più attento alle misure di sicurezza sulla tua proprietà. È probabile che ora questi attacchi aumentino. Me ne rendo conto".

Tuttavia, l’arcivescovo ha sottolineato che “per noi, come fedeli discepoli di nostro Signore Gesù Cristo, questo è motivo di gioia, poiché l'unico motivo per cui ciò sta accadendo è dovuto alla coerente difesa della Chiesa cattolica della santità della vita umana in tutte le fasi e condizioni, e soprattutto al suo inizio nel grembo della madre”.

Ti potrebbe interessare