Matteo Zuppi e gli altri cardinali romani

Sono 19 i cardinali nati a Roma negli ultimi 100 anni

L'Arcivescovo Matteo Maria Zuppi
Foto: ACI Stampa
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Tutti i cardinali sono romani. E lo dice anche il Codice di diritto canonico. Ogni porporato riceve dal Papa al momento del concistoro una chiesa di Roma - sia titolo presbiterale o diaconia - come segno di vicinanza alla sollecitudine pastorale del Pontefice nell’Urbe.

Nel concistoro di domani, tuttavia, vi sarà un cardinale più romano degli altri: Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna, è infatti nato a Roma l’11 ottobre 1955 ed ha servito come vescovo ausiliare dal 2012 al 2015.

Negli ultimi 100 anni sono stati 19 i cardinali romani creati dai diversi Pontefici.

Nel 1919 toccò a Filippo Camassei, che fu Patriarca di Gerusalemme dei Latini.

Nel 1926 Pio XI elevò alla dignità cardinalizia Lorenzo Lauri, Penitenziere Maggiore e successivamente  Camerlengo di Santa Romana Chiesa.

Sempre Pio XI tra il 1929 e il 1935 creò cardinali i romani Eugenio Pacelli, che fu suo immediato successore sulla Cattedra di Pietro, Francesco Marchetti Selvaggina, Pietro Fumasoni Bioni e Francesco Marmaggi.

Bisognerà attendere il 1953 per altri cardinali romani. Pio XII assegnerà la porpora a Pietro Ciriaci, Francesco Borgognoni Duca e ad Alfredo Ottaviani, che per anni guiderà l’ex Sant’Uffizio.

Nel 1958 è Giovanni XXIII a chiamare nel Sacro Collegio tre romani: Paolo Giobbe, Domenico Tardini - suo Segretario di Stato - e Alberto Di Jorio.  Nel 1961 Giovanni XXIII eleverà al cardinalato anche Giuseppe Antonio Ferretto.

Tra il 1965 e il 1967 Paolo VI imporrà la berretta rossa ad Enrico Dante. Egidio Vagnozzi e Carlo Grano.

L’ultimo cardinale romano prima di Zuppi risale all’ormai lontano 1991. Giovanni Paolo II creerà cardinale Fiorenzo Angelini, allora Presidente del Pontificio consiglio della pastorale per gli operatori sanitari.

Ti potrebbe interessare