Messa al Divino Amore, padre Midili: “Gesù dà la vita perché ama”

Il Vangelo è centrato su Gesù che si proclama Buon Pastore. L’omelia di padre Midili, direttore dell’Ufficio Liturgico del Vicariato

Padre Midili durante la celebrazione al Divino Amore, 4 maggio 2020
Foto: Tv 2000
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Gesù “dà la vita perché ama”, ma proprio per questo segue la volontà del padre e così “non perde la vita, ma la ritrova”. Durante la Messa dal Santuario del Divino Amore, Padre Midili spiega il Vangelo del giorno, la prosecuzione del passo del Vangelo della domenica sul Buon Pastore. È un capitolo, quello di Giovanni, che - spiega il sacerdote - accompagnerà la liturgia tutta la settimana.

La diocesi di Roma trasmette la Messa in diritta dal Santuario del Divino Amore durante tutto il tempo della pandemia, per accompagnare i fedeli che non possono andare a messa a causa dell’emergenza. Inizialmente celebrata dal Cardinale Angelo de Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, e dai vescovi ausiliari, la Messa viene ora celebrata anche alternativamente dai sacerdoti che lavorano in vicariato. Oggi, a celebrare è padre Giuseppe Midili, carmelitano, direttore dell’ufficio liturgico diocesano.

Il tema è quello del buon pastore, ma nell’originale, spiega padre Midili, si parla di “pastore, quello bello”, una bellezza che “va intesa come un di più rispetto alla bontà e alla vostra idea di bellezza”.

Padre Midili sottolinea che la bellezza e la bontà di Gesù vengono dalla consapevolezza della sua missione, che lo porta a poter dire di essere “il pastore bello” perché “risponde al comando che il Padre gli ha dato”.

Gesù “è il pastore buono che dà la vita per le pecore”, che non “agisce come un mercenario”, ma che piuttosto “si cura di ciascuna pecora, la conosce e le pecore riconoscono la sua voce”.

Gesù dice che “non perde la vita, ma la ritrova” proprio perché obbedisce al comando del Padre. Gesù “dà la vita perché ama”, non è “spinto da interesse come il mercenario”. È mosso “unicamente da amore, e per amore consegna la sua vita”.

I pastori di oggi sono “tutti coloro che sono liberi e che sono in grado di consegnare la vita”, così come fa Gesù.

Padre Midili chiede dunque di accogliere “l’amore di Gesù, la donazione della sua vita e di rivolgere la preghiera al pastore di essere sostenuti e di poterlo ogni giorno seguire”.

Ti potrebbe interessare