Migranti: le proteste e le proposte dei vescovi Usa

Un uomo sul confine separato dalla famiglia
Foto: BBC World Service via Flickr
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Aprire le sbarre che imprigionano la dignità umana: un piano per trasformare il sistema di detenzione degli immigrati negli Stati Uniti”. É il titolo del rapporto dei vescovi degli Stati Uniti che chiedono una radicale riforma del sistema di detenzione degli immigrati clandestini per proteggere i più vulnerabili, come i richiedenti asilo e le famiglie, nel rispetto della legalità. Il documento, preparato dal Servizio per i migranti e i rifugiati della Usccb, in collaborazione Centro Studi sulle migrazioni (CMS), illustra le informazioni raccolte nei centri di detenzione in diversi Stati dell’Unione e nelle strutture cattoliche che assistono gli immigrati: parrocchie, mense per i poveri e opere caritative. Informazioni che evidenziano una situazione drammatica e disumana e i gravi limiti dell’attuale sistema: migliaia di persone entrate illegalmente nel territorio americano detenute come criminali; famiglie divise; bambini traumatizzati dalla separazione dai genitori; situazioni di segregazione e disperazione.

Secondo i dati ufficiali del Dipartimento per la sicurezza nazionale (DHS),  sono 400mila gli immigrati clandestini rinchiusi ogni anno nei centri detentivi degli Stati Uniti: tra questi numerosi richiedenti asilo, vittime del traffico di esseri umani e della tortura, giovani madri con figli, affidate spesso a strutture private a scopo di lucro. Di qui l’urgenza evidenziata dai vescovi di riformare l’intero sistema, con particolare riguardo ai richiedenti asilo, i cui diritti sono di fatto negati, come denunciato anche dall’Alto Commissariato Onu per i rifugiati e dall’Albo degli avvocati americani (ABA). Un’esigenza morale che interpella le autorità, ma anche i cattolici.

I vescovi Eusebio Elizondo e Nichoas Di Marzio, rispettivamente Presidente e membro della Commissione episcopale per i migranti,  chiedono in particolare ai fedeli e a tutte le persone di buona volontà di premere per la riforma delle politiche migratorie negli Stati Uniti e “di sopperire ai bisogni materiali, sociali e spirituali delle famiglie separate a causa della detenzione ed espulsione dei propri cari e di fare in modo che le loro comunità non traggano profitto dalla miseria causata dalla criminalizzazione e segregazione degli immigrati” L’Antico Testamento e il Vangelo, sottolineano, “ci ricordano che essere discepoli di Cristo richiede solidarietà verso gli ultimi, compreso lo straniero incarcerato”.

Dopo un’ampia analisi dei dati e dei casi emersi dalla ricerca, il documento conclude con una serie di proposte di riforma: a cominciare  dalla realizzazione di un’indagine preliminare del Congresso per valutare il rapporto costo-benefici  dell’attuale sistema e dalla drastica riduzione del ricorso indiscriminato alle misure detentive a favore di soluzione più umane che tengano conto dei singoli casi.

Ti potrebbe interessare