Papa Francesco ai Cavalieri di Colombo: “Il vostro impegno un’ispirazione”

Nel centenario delle attività dei Cavalieri di Colombo a Roma, Papa Francesco loda l’impegno della organizzazione, apprezzandone in particolare l’impegno per gli ultimi

Papa Francesco in uno dei passati incontri con Carl Anderson, Cavaliere Supremo dei Cavalieri di Colombo
Foto: Archivio ACI
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La difesa della vita, il sostegno per i cristiani perseguitati in Medio Oriente, ma anche la “incondizionata devozione” al successore di Pietro: il Consiglio direttivo dei Cavalieri di Colombo è a Roma per il centenario delle attività dell’organizzazione, e Papa Francesco li riceve, loda il loro impegno, e sottolinea che questo è “un’ispirazione importante per superare la globalizzazione dell’indifferenza e costruire insieme una società più giusta ed esclusiva”.

Nel suo discorso, Papa Francesco ricorda come fu Benedetto XV, dopo la Grande Guerra, a chiedere ai Cavalieri di Colombo a “provvedere aiuti umanitari ai giovani e ad altre persone a Roma” in seguito al conflitto, e “i Cavalieri risposero con generosità, fondando centri sportivi per la gioventù che rapidamente divennero luoghi per l’istruzione, la catechesi e la distribuzione di cibo e di altri beni essenziali, tanto necessari a quel tempo”.

Papa Francesco ricorda l’opera di carità evangelica e fraternità portata avanti in vari settori, a partire dalla “fedele testimonianza nei riguardi della sacralità e della dignità della vita umana, sia a livello locale che nazionale”. Una convinzione – nota Papa Francesco – che ha portato “a sostenere, sia materialmente che spiritualmente, le comunità cristiane del Medio Oriente che stanno patendo gli effetti della violenza, della guerra e della povertà”.

Papa Francesco ringrazia per questo sostegno, perché “vedete nel fratello e nella sorella perseguitati e sfollati di quella regione il vostro prossimo, per il quale siete un segno dell’infinito amore di Dio”, e ringrazia anche per la devozione al successore di Pietro per la creazione del Fondo Vicariatus Christi.

Sottolinea Papa Francesco: “Nel nostro mondo, segnato da divisioni e disuguaglianze, il vostro generoso impegno nel servire tutti i bisognosi offre, specialmente ai giovani, un’ispirazione importante per superare la globalizzazione dell’indifferenza e costruire insieme una società più giusta e inclusiva”.

Nati nel 1882 per supportare la fede e la stabilità finanziaria delle famiglie cattoliche, vedove ed orfani, i Cavalieri di Colombo sono ora una organizzazione di 2 milioni di membri nel mondo. Nel 2018, l’organizzazione ha distribuito 185 milioni e 700 mila dollari di aiuti e più di 76 milioni di ore di servizio, una cifra record per l’organizzazione.

Il fondatore è padre Michael McGivney, ed è ora in corso la sua causa di beatificazione.

Prima dell’udienza con il Consiglio direttivo dei Cavalieri di Colombo, Papa Francesco ha ricevuto in udienza privata Carl Anderson, Cavaliere Supremo.

 

Ti potrebbe interessare