Papa Francesco ai laici spagnoli, la Chiesa non è una ONG ma la Famiglia di Dio

Un messaggio in occasione del Congresso Nazionale dei Laici a Madrid

Papa Francesco
Foto: Vatican media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Nel giorno in cui la Chiesa ricorda i Santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa, “Il mandato missionario è sempre attuale e torna a noi con la forza di sempre, per far risuonare la voce sempre nuova del Vangelo in questo mondo in cui viviamo, in particolare in questa vecchia Europa, nella quale la Buona Novella si vede soffocata da tante voci di morte e di disperazione”.

Il Papa lo scrive nel messaggio inviato al cardinale Ricardo Blàzquez Pérez, arcivescovo di Valladolid e presidente della conferenza episcopale spagnola, in occasione del congresso dei laici in Spagna, che ha come tema “Il Popolo di Dio in uscita”, tappa conclusiva dei quattro anni del piano pastorale iniziato nel 2016.

Papa Francesco scrive che non si deve aver paura di “calpestare le strade, di entrare in ogni angolo della società, di giungere fino ai limiti della città, di toccare le ferite della nostra gente”.

Andate e predicate il Vangelo” è l’auspicio del Papa per i laici, incoraggiati a vivere la vocazione “immersi nel mondo, ascoltando, con Dio e con la Chiesa, i battiti dei vostri contemporanei, del popolo”.  

L’impegno della Chiesa è di rimboccarsi le maniche “per andare incontro all’altro, senza giudicarlo, senza condannarlo, ma tendendogli la mano, per sostenerlo, per incoraggiarlo o semplicemente per accompagnarlo nella sua vita”. 

E il Papa chiarisce : “è fondamentale prendere coscienza del fatto che facciamo parte di una comunità cristiana” perché “non siamo un raggruppamento qualsiasi, neppure una Ong” ma “ la famiglia di Dio convocata attorno a uno stesso Signore”.

Ti potrebbe interessare