Papa Francesco al popolo dominicano: “Non vacillare nella testimonianza di fede”

In occasione dell’Anno Giubilare Altagraciano indetto dalla Conferenza Episcopale dominicana, il Papa invia un messaggio in cui esorta il popolo dominicano a “mantenere viva la fiamma della speranza”

L'icona di Nuestra Señora de Altagracia, patrona della Repubblica Dominicana
Foto: Vatican News
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Cento anni fa, l’icona della Vergine di Altagracia, patrona della Repubblica Dominicana, fu canonicamente incoronata. Per questo la Chiesa del Paese caraibico ha proclamato un anno giubilare, inaugurato con un messaggio di Papa Francesco che ha invitato il popolo dominicano a “mantenere accesa la fiamma della speranza” e a “non vacillare nella testimonianza di fede”, annunciando che l’arcivescovo Edgar Pena Parra, sostitutto della Segreteria di Stato, deporrà ai piedi della Vergine una rosa d’oro.

Nel suo messaggio, Papa Francesco ha ricordato che “la Vergine di Altagracia è stata nei momenti difficili ‘fonte di unità’ per il popolo dominicano”, e che lo sguardo della Madre che contempla il Bambino “è un invito affinché impariamo a vedere, attraverso i suoi occhi, Gesù presente nel nostro prossimo, e a ricordare che facciamo parte di una stessa famiglia umana chiamata alla convivenza fraterna e solidale”.

Proprio la Vergine “ci spinge a custodire e a mantenere accesa la fiamma della speranza che ci hanno tramandato i nostri antenati nella fede, e a trasmetterla agli altri con umiltà, confidando nella grazia del Signore". 

Papa Francesco ha esortato i dominicani a non aver paura "di camminare tutti insieme, al di là delle divisioni e della sfiducia, uniti in fraternità, nella direzione che Gesù indica nel Vangelo” e a non esitare nel “cercare con semplicità la volontà di Dio, perché Lui è Padre di tenerezza che abbraccia tutti e non ci abbandona mai”, con la fiducia che “la sua luce divina trasforma i cuori e li porta all’incontro con Lui e con i fratelli".

Alla Patrona della Repubblica Dominicana è stato dato il titolo di “Altagracia” in quanto nessuno più di Lei, che è la Madre di Dio, può donare ai suoi figli un numero più alto di grazie.

L’immagine di Nostra Signora di Altagracia è stata incoronata da Papa Pio XI e da Papa Giovanni Paolo II: la prima incoronazione è avvenuta il 15 agosto 1922, la seconda il 12 ottobre 1992, durante la seconda visita di San Giovanni Paolo II nel Paese.

Il quadro di Nostra Signora di Altagracia è largo 33 cm e alto 45 e secondo l’opinione di esperti è un’opera primitiva della scuola spagnola dipinta alla fine del XV secolo o agli inizi del XVI. Si tratta di una icona, ed è anche uno dei pochi quadri al mondo stampato in oro puro.

L’icona mostra una scena della Natività dove la Vergine adora in una culla il Bambino Gesù, è stata restaurata in Spagna nel 1978, mentre la cornice che lo sostiene è l’espressione più raffinata dell’oreficeria dominicana.

La costruzione della Basilica dove è custodito il quadro durò dal 1954 al 1971. L’apparizione mariana avvenuta sul luogo del santuario ha diverse versioni, una delle quali riconducibile addirittura a Cristoforo Colombo.

Ti potrebbe interessare