Papa Francesco compie oggi 84 anni, ma la vera festa è il giorno del Battesimo

La catechesi del Papa sul Battesimo il "secondo compleanno" dei cristiani

Papa Francesco battezza un neonato in Cappella Sistina
Foto: Vatican Media
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“Dobbiamo ricordare la data del nostro Battesimo, perché è un secondo compleanno”. Papa Francesco lo ricorda spesso e nulla è quindi più adatto in questo giorno un cui compie 84 anni.

L’8 gennaio del 2014 il Papa volle dedicare una intera catechesi proprio al battesimo.

“Molti di noi- disse- non hanno il minimo ricordo della celebrazione di questo Sacramento, ed è ovvio, se siamo stati battezzati poco dopo la nascita. Ho fatto questa domanda due o tre volte, qui, in piazza: chi di voi sa la data del proprio Battesimo, alzi la mano. È importante conoscere il giorno nel quale io sono stato immerso proprio in quella corrente di salvezza di Gesù. E mi permetto di darvi un consiglio. Ma, più che un consiglio, un compito per oggi. Oggi, a casa, cercate, domandate la data del Battesimo e così saprete bene il giorno tanto bello del Battesimo”.

A novembre del 2013, all’inizio del Pontificato, Papa Francesco spiega una parte del credo e di nuovo chiede ai presenti di ritrovare la data del battesimo e aggiunge di chiedersi: “ Il Battesimo, per me, è un fatto del passato, isolato in una data, quella che oggi voi cercherete, o una realtà viva, che riguarda il mio presente, in ogni momento? Ti senti forte, con la forza che ti dà Cristo con la sua morte e la sua risurrezione? O ti senti abbattuto, senza forza? Il Battesimo dà forza e dà luce. Ti senti illuminato, con quella luce che viene da Cristo? Sei uomo e donna di luce? O sei una persona oscura, senza la luce di Gesù? Bisogna prendere la grazia del Battesimo, che è un regalo, e diventare luce per tutti!”.

Ma chi aiuta un bambino neonato a conoscere il dono del Battesimo? Per Papa Francesco è chiaro che si tratta dei genitori. Un compito che spetta anche ai “lontani” che però chiedono il Battesimo per i figli ? Sembra di si perché proprio il Papa ha battezzato dei bambini con genitori sposati solo civilmente proprio nel 2014.

E nel suo stile particolare il Papa in una riflessione della messa del mattino a Santa Marta a maggio del 2014 commenta così un passaggio delle letture. San Pietro viene criticato per avere battezzato dei pagani e il Papa commenta: “nella storia della Chiesa non è mai esistito il ministero di «colui che chiude le porte» in faccia alle persone.”  San Pietro era stato considerato «un pazzo». “Proprio come se «domani venisse una spedizione di marziani verdi, con il naso lungo e le orecchie grandi come vengono dipinti dai bambini». Ma se uno di loro dicesse «io voglio il battesimo» cosa accadrebbe?”.

Ma a chi chiede il Battesimo per i figli il Papa assegna un compito da non dimenticare: "Voi avete chiesto la fede. La Chiesa, quando vi consegnerà la candela accesa, vi dirà di custodire la fede in questi bambini. E, alla fine, non dimenticatevi che la più grande eredità che voi potrete dare ai vostri bambini è la fede. Abbiate cura che non venga persa, di farla crescere e lasciarla come eredità”.

Ecco la fede da non perdere è l’augurio per il giorno della nascita di Jorge Mario Bergoglio, oggi Papa con un nome impegnativo, Francesco.

Anche se non ci sono conferme nella biografia ufficiale del giorno del Battesimo di Jorge Mario, sembra che sia stato il 25 dicembre, ad una settimana dalla nascita. Una data difficile da dimenticare.

Ti potrebbe interessare