Papa Francesco, dopo la pandemia si deve trovare la strada giusta in favore dei popoli

Nella omelia il Papa parla della corruzione come scelta del sepolcro

Papa Francesco a Santa Marta
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Preghiamo per i governati gli scienziati i politici che cominciano a studiare la via d’uscita il  dopo pandemia questo dopo che già è incominciato perché trovino la strada giusta sempre in favore della gente sempre in favore dei popoli”.

Questa la preghiera di Papa Francesco nella messa di questa mattina Lunedì dell’ Angelo celebrata nella Cappella dello Spirito Santo a Casa Santa Marta.

Nella omelia il Papa spiega che c’è sempre un’opzione tra la gioia della resurrezione e la nostalgia del sepolcro. Le donne vanno avanti, sempre Dio incomincia con le donne aprono strade

Le donne sanno hanno visto il sepolcro vuoto. I discepoli avevano dubbi ma le donne erano sicure hanno portato avanti la strada, dice il Papa.  E poi c’è l’altra opzione, quella dei sacerdoti e dei dottori della legge, meglio non vivere con il sepolcro vuoto, e nascondo il fatto con i soldi, pagano i testimoni. Ma non si può servire Dio e il dio denaro.

Tra le guardie una aveva confessato Gesù, ma poi arriva la paura, e i sacerdoti e dottori della legge pagano. E questa, dice il Papa, non è una tangente è corruzione allo stato puro.

Se tu non confessi il Signore allora c’è il sigillo della corruzione dice il Papa. Certo tanta gente

non lo conosce perché  noi non lo abbiano annunciato bene e questa è colpa nostra. Ma davanti all’evidenza della verità è corruzione. “Si paga, stai zitto”.

E aggiunge il Papa, anche oggi davanti alla fine della pandemia speriamo sia presto, o la nostra scommessa sarà la vita e resurrezione dei popoli o sarà il ritorno al dio denaro: di nuovo schiavitù, fabbriche della armi bambini senza educazione, ecco  lì dice il Papa, c’è  il sepolcro. Dobbiamo scegliere il bene della gente e l’annuncio e non il cadere nel sepolcro vuoto del dio denaro.

Ti potrebbe interessare