Papa Francesco e lo sceicco di Al-Azhar a colloquio in Vaticano

Una udienza con diversi rappresentanti di paesi islamici

Il Papa e lo Sceicco
Foto: Daniel Ibanez/ Aci Group
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un colloquio breve a fine mattinata ma molto significativo quello tra Papa Francesco e il Grande Imam Ahmed Al-Tayeb, Sceicco di Al-Azhar, accompagnato dal Vice Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti, S.E. Saif bin Zayed Al Nahyan, dall’Ambasciatore della Repubblica di Egitto presso la Santa Sede, S.E. Mahmoud Samy e da alcune personalità e rappresentanti dell’Universitàdi Al-Azhar e del Comitato Superiore per raggiungere gli obiettivi contenuti nel Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza comune, costituito nell’agosto scorso.

Presenti anche ail Cardinale Miguel Ángel Ayuso Guixot, Presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, e Mons. Yoannis Lahzi Gaid, Segretario del Santo Padre.

“Nel corso dei cordiali colloqui - si legge nella nota ufficiale vaticana- ci si è soffermati sul tema della protezione dei minori nel mondo digitale, si è ricordato il recente viaggio di Sua Santità negli Emirati Arabi Uniti e si è parlato delle iniziative messe in campo dal Comitato Superiore per raggiungere gli obiettivi del Documento sulla Fratellanza Umana nei mesi dalla sua fondazione.

I membri del Comitato, infine, hanno presentato al Santo Padre il nuovo membro dello stesso, la dott.ssa Irina Georgieva Bokova, e hanno illustrato al Santo Padre il progetto della “Casa di Abramo”, inaugurato a New York nel settembre scorso”.

“ Grazie per la visita mi riempie tanto di gioia vederla” ha detto il Papa allo sceicco incontrandolo.

Dagli Emirati è arrivato al Papa il progetto della Casa famiglia di Abramo  che sarà costruito ad Abi Dhabi e prevede una moschea, una sinagoga e un chiesa dedicata a San Francesco oltre ad una edificio dedicato alla Fratellanza Umana.

Il Papa ha donato ai suoi ospiti un bassorilievo con l’ulivo della Pace e il testo del documento sulla fratellanza umana firmato ad Abu Dhabi.

Ti potrebbe interessare