Papa Francesco: “Educhiamo ad una ecologia integrale”

Un primo piano di Papa Francesco
Foto: Alan Holdren / CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Incontrando la scorsa settimana i membri del “Pacific Islands Forum Secretariat”, Papa Francesco aveva chiesto una “presa di coscienza mondiale contro il degrado ambientale”. E oggi che si sta per concludere il COP23, la 23esima Conferenza delle Parti sul clima, ha ribadito la necessità di “prestare attenzione all’educazione e agli stili di vita improntati a una ecologia integrale”.

Due anni dopo l’accordo di Parigi che la Santa Sede sostenne, a presiedere la COP23 è proprio uno di quei Paesi del Pacific Islands Forum Secretariat, vittime di una continua erosione che porta a scomparire le isole e la barriera corallina. E su di loro si è concentrata l’attenzione della Santa Sede, anche sul tema dei migranti, considerando che sempre più si parla di “migranti ambientali”.

Nel messaggio inviato all’incontro, Papa Francesco ha rimarcato l’importanza dell’Accordo di Parigi, che “indica un chiaro percorso di transizione verso un modello di sviluppo economico a basso o nullo consumo di carbonio, incoraggiando alla solidarietà e facendo leva sui forti legami esistenti tra la lotta al cambiamento climatico e quella alla povertà”.

Il Papa sottolinea che alcuni Paesi “dovranno assumere il ruolo di guida di tale transizione”, chiede di “avere a cuore” i Paesi più vulnerabili, e sottolinea la necessità di definire e costruire “linee guida, regole e meccanismi istituzionali” perché la transizione sia efficace, che è poi l’obiettivo di questa 23esima conferenza delle parti.

Per il Papa, c’è bisogno di dialogo, evitando di cadere in “negazione, indifferenza, rassegnazione e fiducia in soluzioni inadeguate”, perché “non ci si può limitare alla sola dimensione economica e tecnologica”, dato che “le soluzioni tecniche sono necessarie ma non sufficienti”, e c’è bisogno anche di tenere in considerazione i risvolti etici delle scelte.

Ed è qui che il Papa chiede una maggiore educazione e stili di vita basati sulla “ecologia integrale, capace di assumere una visione di ricerca onesta e dialogo aperto”.

Ti potrebbe interessare