Papa Francesco, la pazienza è la speranza dell’attesa nella vita dei consacrati

Le messa del Papa per la Giornata della Vita Consacrata

Papa Francesco celebra la Messa della Presentazione di Gesù al Tempio
Foto: Vatican Media
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Un elogio alla pazienza, quella di Simone che attende Gesù, “la speranza dell’attesa in lui si è tradotta nella pazienza quotidiana di chi, malgrado tutto, è rimasto vigilante”.

Papa Francesco ha commentato così nella sua omelia la festa della Presentazione al Tempio di Gesù, Giornata della vita consacrata. 

La messa in Basilica celebrata in forma ristretta per la pandemia, si è aperta con la processione con le candele accese. Più di cento persone presenti tra religiosi e consacrati a rappresentarli tutti. 

Ma da dove ha imparato Simeone questa pazienza? Si chiede il Papa? “L’ha ricevuta dalla preghiera e dalla vita del suo popolo, che nel Signore ha sempre riconosciuto il «Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira e ricco di grazia e di fedeltà» (Es 34,6); il Padre che anche dinanzi al rifiuto e all’infedeltà non si stanca, anzi “pazienta per molti anni” (cfr Ne 9,30), per concedere ogni volta la possibilità della conversione”.

Papa Francesco cita Romano Guardini: “la pazienza è un modo con cui Dio risponde alla nostra debolezza, per donarci il tempo di cambiare”. 

Un dono di misericordia, perché, dice il Papa “Dio ci attende senza stancarsi mai. Quando ci allontaniamo ci viene a cercare, quando cadiamo a terra ci rialza, quando ritorniamo a Lui dopo esserci perduti ci aspetta a braccia aperte. Il suo amore non si misura sulla bilancia dei nostri calcoli umani, ma ci infonde sempre il coraggio di ricominciare”.

Anche i consacrati devono esercitare questa pazienza, che “non è la semplice tolleranza delle difficoltà o una sopportazione fatalista delle avversità. La pazienza non è segno di debolezza: è la fortezza d’animo che ci rende capaci di “portare il peso” dei problemi personali e comunitari, ci fa accogliere la diversità dell’altro, ci fa perseverare nel bene anche quando tutto sembra inutile, ci fa restare in cammino anche quando il tedio e l’accidia ci assalgono”.

Tre i luoghi della pazienza per Papa Francesco: la vita personale “Può capitare, nella nostra vita di consacrati, che la speranza si logori a causa delle aspettative deluse. Dobbiamo avere pazienza con noi stessi e attendere fiduciosi i tempi e i modi di Dio: Egli è fedele alle sue promesse”. La tristezza interiore è un verme che mangia da dentro dice il Papa.

C’è poi  la vita comunitaria: “il Signore non ci chiama ad essere solisti, ma ad essere parte di un coro, che a volte stona, ma sempre deve provare a cantare insieme”. Non ci si deve lasciar confondere dalle tempeste.

E poi c’è la pazienza nei confronti del mondo. Simeone e Anna “non intonano il lamento per le cose che non vanno, ma con pazienza attendono la luce nell’oscurità della storia,  nella oscurità delle propria comunità. Abbiamo bisogno di questa pazienza, per non restare prigionieri della lamentela”. Alcuni dice il Papa sono maestri della lamentela, ma così si perde la speranza semplicemente per impazienza. 

Il Papa pone all’assemblea una serie di domande:  “accogliamo la pazienza dello Spirito nella nostra vita? Nelle nostre comunità, ci portiamo sulle spalle a vicenda e mostriamo la gioia della vita fraterna? E verso il mondo, portiamo avanti il nostro servizio con pazienza o giudichiamo con asprezza?” 

E conclude. “non possiamo restare fermi nella nostalgia del passato o limitarci a ripetere le cose di sempre. Abbiamo bisogno della coraggiosa pazienza di camminare, di esplorare strade nuove, di cercare cosa lo Spirito Santo ci suggerisce” e questo si fa con umiltà. 

A celebrare con il Papa all’Altare della Cattedra, nella Basilica Vaticana, il Prefetto, il Segretario, i sacerdoti officiali della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica e i Superiori Generali degli Ordini religiosi.

Il cardinale Braz De Aviz nel suo saluto finale ha ricordato che "Quest’anno la nostra celebrazione eucaristica è spoglia dei segni e dei volti gioiosi che la illuminavano negli anni precedenti, eppure sempre espressione di quella gratitudine feconda che caratterizza le nostre vite. Il distanziamento fisico che la pandemia ci ha imposto non può separarci.

Seguiamo da mesi le notizie che giungono dalle comunità delle diverse nazioni. Esse parlano di smarrimento, di contagi, di morti, di difficoltà umane ed economiche, di paure, di Istituti che diminuiscono di numero... Ma parlano anche di fedeltà provata dalla sofferenza, di coraggio, di testimonianza serena pur nel dolore e nell’incertezza, di condivisione di ogni affanno e di ogni ferita, di cura e vicinanza agli ultimi, di carità e di servizio a costo della vita". 

Il Papa ha richiesto poi prima della fine della messa di avere pazienza e ha salutato due religiose una giovne e una anziana. E ha ha ricordato che si deve fuggire dal chiacchiericcio, che distrugge la comunità, e poi non perdere il senso dell'umorismo, saper ridere combatte il chiacchiericcio.  Un consiglio umano ha detto il Papa prima della benedizione finale. 

 

Aggiornamento ore 18.50

 

Ti potrebbe interessare