Papa Francesco, non c'è umiltà senza umiliazione

Nella omelia a Santa Marta il Papa indica la umiliazione come testimonianza evangelica

Papa Francesco a Santa Marta
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Il lavoro di Giovanni Battista non è stato tanto di predicare che Gesù veniva e preparare il popolo, ma di dare testimonianza di Gesù Cristo e darla con la propria vita.

Papa Francesco lo ha detto commentando il Vangelo di oggi nella omelia della messa celebrata a Santa Marta.

E la testimonianza, ha aggiunto è  “la strada dell’umiliazione. Paolo la esprime così chiaramente nella sua Lettera ai Filippesi: “Gesù annientò se stesso fino alla morte, morte di croce”. E questa morte di croce, questa strada di annientamento, di umiliazione, è anche la nostra strada, la strada che Dio mostra ai cristiani per andare avanti”.

E aggiunge il Papa: “Il profeta, il grande profeta, l’uomo più grande nato da donna - così lo qualifica Gesù -  e il Figlio di Dio hanno scelto la strada dell’umiliazione. È la strada che ci fanno vedere e che noi cristiani dobbiamo seguire. Infatti, nelle Beatitudini si sottolinea che il cammino è quello dell’umiltà”.

L’insegnamento per i fedeli oggi è chiaro: Quando cerchiamo di farci vedere, nella Chiesa, nella comunità, per avere una carica o un’altra cosa, quella è la strada del mondo, è una strada mondana, non è la strada di Gesù. E anche ai pastori può accadere questa tentazione di arrampicamento: “Questa è un’ingiustizia, questa è un’umiliazione, non posso tollerarla”. Ma se un pastore non segue questa strada, non è discepolo di Gesù: è un arrampicatore con la veste talare. Non c’è umiltà senza umiliazione”.

Ti potrebbe interessare