Papa Francesco presiede il Consiglio del Sinodo. Quasi pronto l'Instrumentum laboris

Aula del Sinodo
Foto: CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Papa Francesco ha presieduto il Consiglio Ordinario del Sinodo dei Vescovi che si è riunito tra ieri e oggi in Vaticano. La presenza del Santo Padre, riferisce una nota della Sala Stampa della Santa Sede “ha sottolineato l’importanza che attribuisce al cammino sinodale in corso”.

Si procede a testa bassa nel cammino che porterà la Chiesa universale a viere la XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, prevista dal 4 al 25 ottobre prossimi, nella quale si rifletterà sul tema “La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo”.

Durante le riunioni è stato definito l’Instrumentus laboris, cioè il canovaccio tematico che farà da supporto ai lavori sinodali, ma si sono avanzate anche “le proposte della Segreteria Generale per aggiornare la metodologia dei lavori della prossima Assemblea”, riferisce la nota vaticana.

“Nei giorni 25 e 26 mattina il Consiglio ha esaminato dettagliatamente il progetto dell’Instrumentum laboris che risulta dalla Relatio Synodi della Assemblea Straordinaria integrata con i numerosi apporti forniti dalle risposte alle domande contenute nei Lineamenta inviate dalle Conferenze Episcopali e dagli altri Organismi aventi diritto, nonché da numerosi contributi di diverse realtà ecclesiali e di singoli fedeli pervenuti alla Segreteria Generale”, recita il comunicato.

“L’ampio e approfondito esame del testo ha offerto proposte e contributi per la sua integrazione e il suo miglioramento. Il testo così rivisto e condiviso dai membri del Consiglio, è stato affidato alla Segreteria Generale per la redazione finale, la traduzione in diverse lingue e la pubblicazione che avverrà fra poche settimane”, spiega ancora la Sala Stampa della Santa Sede.

Di questa mattina anche l’incontro di Papa Francesco con il cardinale Lorenzo Baldisseri, Segretario generale del Sinodo dei Vescovi, ricevuto privatamente insieme al Sotto-Segretario, Mons. Fabio Fabene.

Ti potrebbe interessare