Papa Francesco, solo un angelo poteva dire che Gesù era risorto

La riflessione del Papa prime della preghiera del Regina Coeli

Papa Francesco guida il Regina Coeli nella Biblioteca del Palazzo Apostolico
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

“L’immagine dell’angelo seduto sulla pietra del sepolcro è la manifestazione concreta, visiva, della vittoria di Dio sul male, della vittoria di Cristo sul principe di questo mondo, della luce sulle tenebre”.

Papa Francesco prima della preghiera del Regina Coeli ha proposto una breve riflessione sul ruolo dell’ angelo nell’annuncio della Risurrezione di Gesù: “ le donne che erano andate al sepolcro e l’avevano trovato aperto e vuoto, non potevano affermare: “È risorto”, ma solo che il sepolcro era vuoto. Che Gesù fosse risorto lo poteva dire soltanto un angelo col potere dato da Dio", ha detto il Papa. 

Ci sono due atteggiamenti davanti alla resurrezione di Gesù, lo spavento delle guardie tramortite e le donne che vengono confortate dall’ angelo. Le guardie avevano la opzione era dire la verità o lasciarli corrompere e anche in questo caso ha vinto il Dio denaro perchè erano povera gente ha aggiunto il Papa. 

E aggiunge: “dalle parole dell’angelo possiamo raccogliere un prezioso insegnamento: non stanchiamoci mai di cercare il Cristo risorto, che dona la vita in abbondanza a quanti lo incontrano. Trovare Cristo significa scoprire la pace del cuore”.

E conclud: “in questo tempo pasquale, auguro a tutti di fare la medesima esperienza spirituale, accogliendo nel cuore, nelle case e nelle famiglie il lieto annuncio della Pasqua”. 

Un saluto speciale il Papa lo ha inviato agli anziani e ai malati ringraziandoli per la loro testimonianza.

 

Ti potrebbe interessare