Pentecoste, il Cardinale De Donatis: "Siamo discepoli missionari"

Lettera del Vicario di Roma in occasione del ritiro per religiose, seminaristi e sacerdoti della Diocesi

Il Cardinale Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma
Foto: Daniel Ibáñez/CNA
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Riconoscere, interpretare, scegliere. Sono le colonne portanti – prese dalla Evangelii Gaudium del Papa – che condurranno i tre giorni di ritiro, al via oggi, di sacerdoti, seminaristi e religiose della Diocesi di Roma in vista di Pentecoste. A proporlo è stato il Cardinale Angelo De Donatis, Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma.

Il porporato invita a vivere questi tre giorni in un discernimento evangelico, un atteggiamento che ci colloca “nella dimensione giusta e ci porta a considerare chi siamo: discepoli missionari. Siamo uomini felici perché discepoli, e solo perché tali, senza nessuna pretesa di essere maestri, possiamo essere evangelizzatori autentici”.

“Ci lasceremo guidare – conclude il Vicario di Roma - in questo ritiro sui tre verbi riconoscere, interpretare e scegliere, dalla figura di Mosè. Come lui, ci lasciamo coinvolgere dallo Spirito, per entrare anche noi nella tenda a contatto con il Volto di Dio per ascoltare la sua parola e parlare con lui da amico, faccia a faccia. Sempre, e questi mesi ce lo hanno dimostrato, il Popolo vuole vedere da noi il Volto di Dio e lasciarsi scaldare dalla luminosità del nostro incontro con il Padre. Non abbiamo la presunzione di essere gli unici in contatto con Dio, anzi come Mosè sentiamo il dovere di lavorare su noi stessi per diventare sempre più discepoli. Vogliamo anche noi vivere il paradigma dell'esodo da uomini liberi, da discepoli della Parola e del Volto”.

Ti potrebbe interessare